HP, 70mila batterie da sostituire

The New Blog Times
La Redazione
Di
Pubblicato il: 18/05/2009
Commenti Commenta | Permalink

Un nuovo caso di batterie per notebook che surriscaldano e possono prendere fuoco. HP è pronta a sostituirle, dunque verificare attentamente le proprie e, in caso affermativo,  attivarsi al più presto

Roma – Chi ha acquistato un notebook HP tra agosto 2007 e marzo 2008 potrebbe avere in dotazione una batteria che la casa stessa riconosce difettosa.

Le batterie difettose appartenenti ai lotti incriminati possono surriscaldarsi e comportare il rischio di incendio. Su questa pagina della U.S. Consumer Product Safety Commission è possibile trovare un elenco di modelli di computer e relativi codici apposti sulle batterie incriminate.

Un notebook che si sta incendiando a causa della batteria

Un notebook che si sta incendiando a causa della batteria

Al momento, secondo quanto riferiscono le cronache, vi sono stati solo due report di batterie che hanno effettivamente surriscaldato e preso fuoco, arrecando danni limitati. Nessuna persona risulterebbe ferita.
HP ha predisposto da tempo un apposito programma di sostituzione, il cui funzionamento è spiegato su questa pagina, completo dei dettagli di tutti i modelli.

Non è purtroppo la prima volta che accadono simili malfunzionamenti nelle batterie, né ad HP né ad altri: lo scorso anno, ricorda Cnet, Sony ha dovuto richiamare 100mila batterie anch’esse difettose, a seguito del ben più cospicuo richiamo del 2006, in cui oltre 4 milioni di batterie sono risultate a rischio.

Dunque, soprattutto tenendo presente la vasta diffusione dei mercati paralleli, grazie ai quali è possibile acquistare apparecchi di provenienza estera dovunque, verificare attentamente le proprie batterie e, nel caso si sia in diritto, procedere senza indugio alla sostituzione.


La Redazione (3321 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*