Google Voice diventa una WebApp

The New Blog Times
Marco Valerio Principato
Di
Pubblicato il: 26/01/2010
Commenti Commenta | Permalink

Ad evitare ulteriori bastoni tra le ruote, a Mountain View hanno deciso che Google Voice debba essere una Web App. Con buona pace dei detrattori, Apple in testa

Roma – Vista l’aggressività che in passato ha fatto scagliare più di qualcuno, Apple in testa, contro BigG per il suo Google Voice, c’è una novità: da Mountain View è arrivata una versione completamente Web di Google Voice.

Purtroppo non è ancora utilizzabile al di fuori degli Stati Uniti, ma è bene comunque sapere che il gigante delle ricerche ne ha in certo qual modo provocato una sorta di metamorfosi.

Prima – spiega Reuters – era un’applicazione vera e propria da scaricare sul proprio smartphone. Per evitare i più disparati “divieti d’accesso” che gli sono stati posti davanti, adesso è diventata un’applicazione Web vera e propria, nel senso che per farla funzionare occorre collegarsi all’apposita pagina tramite il proprio browser mobile.

E per chi è a casa, ovvero sul computer fisso, è appena stata annunciata un’apposita estensione che ne integra le funzionalità in Chrome, il browser made in Mountain View.

A quando all’estero, cioè anche in Italia? /MVP


Marco Valerio Principato (2076 articoli)

Informatico sin dal 1980, esperto di Internet ed elettronica e attivo in Rete dal 1999, ha curato articoli in diverse pubblicazioni specifiche tra cui Punto Informatico (direzione P. De Andreis) e CompuServe Magazine. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione, è responsabile di questo sito.


Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*