2012, l’esplosione dei social media, guidata da Pinterest

La Redazione
Di
Pubblicato il: 05/12/2012
Commenti Commenta | Permalink

L’ultimo rapporto sui social media 2012 di Nielsen fa emergere dati interessanti sulle nostre abitudini, ma incorona al massimo della crescita un nuovo player: Pinterest.

Media

I Top Social Network 2012 secondo Nielsen (click per ingrandire)
I Top Social Network 2012 secondo Nielsen (click per ingrandire)
(Cliccare l'immagine per ingrandire)

Roma – Trascorriamo più tempo sui social network che su qualsiasi altro sito, e lo facciamo per il 30 per cento dai device mobili e per il 20 per cento dal PC. In particolare, negli Stati Uniti c’è stato un incremento del 37 per cento del tempo totale speso online in favore dei social media: 121 miliardi di minuti a luglio del 2012, rispetto agli 88 dell’anno precedente.

Queste ed altre cifre interessanti emergono dal Social Media Report 2012 di Nielsen, uno studio che valuta accuratamente moltissimi parametri e consegna, tra l’altro, la (scontata) corona del vincitore a Facebook, il più visitato dei social media negli USA e non solo. Con oltre 152 milioni di visite da PC, oltre 78 milioni di utenti di App e altri 74 milioni abbondanti via Web.

A seguire, i siti più frequentati su PC sono Blogger, Twitter, Wordpress, LinkedIn, Pinterest, Google Plus, Tumblr, MySpace e Wikia. Nel ramo mobile, l’ordine è Facebook, Twitter, FourSquare, Google Plus e Pinterest, seguiti da altri.

Ciò che Nielsen evidenzia è un’ascesa piuttosto consistente per Pinterest: non tradisca il fatto che tra le attività da mobile sia ultimo perché, come si osserva dalla percentuale, nell’arco di un anno (nella grafica si legge YOY, che sta per Year Over Year, cioè anno su anno) il suo utilizzo via App è cresciuto di… appena il 1698 per cento, un guizzo verso l’alto che nessuno degli altri ha compiuto. Per non parlare dell’utilizzo mobile via Web, salito del 4225 per cento.

In linea generale, sale l’utilizzo del Web mobile (che comprende, però, i tablet) e i PC scendono di un 4 per cento. Con tante possibilità si profilano, specialmente per i giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni, talmente tante occasioni da non far davvero mancare le possibilità di commentare, inviare tweet e persino postare sul proprio blog. Le fasce d’età superiori, tra 25 e 35 anni, sembrano invece prediligere le postazioni dell’Ufficio.

Un altro dato interessante che emerge è il fatto che nonostante le personalità politiche, molto negli USA ma anche in Italia (a cui ora si è aggiunta persino la personalità del Papa) siano molto presenti e attive nei social media, il principale impiego di questi ultimi resti ancora prevalentemente orientato al contatto con amici e familiari.

Secondo Nielsen, il 60 per cento dell’utenza Facebook usa il portale per tenersi in contatto con persone che conosce de visu, mentre solo il 9 per cento sceglie di entrare in contatto con qualcuno su LinkedIn per via dell’attrattiva fisica: segno evidente che, su quel social network, il principale obiettivo resta biplanare, ossia certamente c’è la socializzazione ma, di fondo, c’è il mondo delle “opportunità”.

Sull'autore:

La Redazione (3148 articoli)

Nucleo redazionale del sito a cui lavorano i responsabili, ossia Marco V. Principato e Dario Bonacina, su articoli scritti da altri collaboratori o da essi stessi. Vedere le rispettive bio.



  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Pinterest
  • Pubblica su MySpace
  • Invia su Segnalo
  • Invia a Diggita
  • Segnalibro su Google
  • Pubblica su Blogger
  • Condividi su Google Reader
  • Condividi su Google+

Argomenti trattati:
, , ,

Sezione in lettura: Comunicazione

« »

Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*