Facebook Messenger: per entrare basta nome e numero di cellulare

La Redazione
Di
Pubblicato il: 10/12/2012
Commenti Commenta | Permalink

Facebook Messenger per Android ammetterà l’ingresso presentandosi solo con il proprio nome e cognome ma, soprattutto, il proprio numero di cellulare. Chissà perché?

Media

La schermata ufficiale di Facebook Messenger (click per ingrandire)
La schermata ufficiale di Facebook Messenger (click per ingrandire)
(Cliccare l'immagine per ingrandire)

Articoli correlati:

Roma – Ecco l’ennesima dimostrazione di come Facebook tenga esclusivamente alla raccolta di dati univoci sulla propria utenza. Con un annuncio passato, salvo per poche fonti, sostanzialmente inosservato sotto questo profilo, il social network ha varato una nuova modalità di accesso al suo “messenger”, l’App di messaggistica istantanea per Android: sono sufficienti il proprio nome e il proprio numero di cellulare.

Come si evince facilmente dalla foto, la prima cosa che fa l’applicazione una volta lanciata è quella di scandire la propria rubrica telefonica e, una volta inviatala integralmente sui server di Facebook, procede alla verifica contatto per contatto al fine di individuare chi tra gli elementi presenti in rubrica è già un utente dell’App stessa. Un metodo che ricorda molto quello di WhatsApp.

Al momento l’App in questione – oltre a essere disponibile solo per Android – secondo quanto riferisce Digital Trends adotterà questo metodo di autenticazione solo per alcuni paesi tra cui Australia, India, Indonesia, Sud Africa e Venezuela, ma in seguito ne è prevista l’adozione generale.

Qualora – esattamente come WhatsApp, che a differenza di come sembrava, non pare voglia lasciarsi acquistare – il “contatto” in esame non disponga del nuovo Facebook Messenger, il social network provvederà a “invitarlo” a scaricarsi l’App mediante un SMS, cosa fattibile perché a) ha ottenuto il numero di cellulare dell’utente in fase di autenticazione e b) perché dalla rubrica telefonica ne ha rilevato una possibile corrispondenza mediante nome e cognome e ha “appreso” il relativo numero di cellulare a cui messaggiare socialmente.

Inviare SMS ha un costo, e se Facebook si appresta a farlo – il tutto per potenziali centinaia di migliaia di utenti – vuol dire che pensa di “rientrare” abbondantemente di tale esborso (esattamente come WhatsApp). La “merce” scambiata, naturalmente – o il valore scambiato, per parlare in termini più precisi – è l’utente, la sua identità (stavolta univoca, grazie al numero di cellulare), le sue abitudini, la sua rete di conoscenze reale grazie alla conoscenza della rubrica, i suoi contatti più frequenti, la sua posizione geografica, le soste in qualche luogo e i conseguenti comportamenti sociali, e via discorrendo. Tutta merce preziosissima per alimentare i propri Big Data.

Per approfondire:

  1. A New Way to Sign Up for Messenger for Android – Comunicato stampa di Facebook
  2. Facebook Messenger boots own signup system for name, phone number on Android – Articolo di Digital Trends
  3. Facebook rumored to be interested in buying WhatsApp – but does WhatsApp want to be bought? – Articolo di Digital Trends
  4. Facebook vuole WhatsApp, Instagram non basta – articolo di Marco V. Principato su questo sito

La Redazione (3321 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*