WhatsApp su Desktop? Possibile

WhatsApp su PC
WhatsApp su PC
La Redazione
Di
Pubblicato il: 16/12/2014
Commenti Commenta | Permalink

Vista la maggior facilità con cui un programma può guardare dati importanti su un PC e sulla rete a cui è connesso, non è affatto da escludersi che WhatsApp ci arrivi.

A scovare una possibile traccia dello sviluppo di una versione Desktop di WhatsApp è stato pochi giorni fa il sito AndroidWorld.nl: nel codice sarebbero comparse delle righe, dove le parole chiave “WhatsApp Web” e “Web_Session_ …” ne sarebbero indicatrici.

WhatsApp è la più diffusa applicazione di instant messaging. Esiste per tutte le piattaforme mobili: Android, iOS, BlackBerry OS, Windows Phone e persino Symbian. Gli altri già ci sono: Line, Viber, Telegram, WeChat e il nostrano Indoona di Tiscali hanno già le loro versioni Desktop, dunque anche Mark Zuckerberg, che ha comprato WhatsApp lo scorso febbraio, potrebbe aver pensato di “non essere da meno”.

Considerando anche che in Rete vi sono migliaia di post che spiegano “come utilizzare WhatsApp su Desktop” servendosi di un emulatore di sistema operativo mobile, solitamente Android, ciò rappresenta una conferma del volere dei mercati.

Ad oggi non esiste alcuna interrelazione tra WhatsApp e Facebook: gli utenti dell’uno non sono automaticamente utenti dell’altro e viceversa. L’unica cosa in comune è l’ecosistema degli interessi alle spalle dei due mondi, dunque Facebook “raccoglie” tutto il raccoglibile dall’uno e dall’altro, quindi fa confluire tutto nei Big Data.

Pertanto, qualora dovesse effettivamente essere presentata una versione Desktop, chi ci tiene alla privacy dovrà prestare particolarmente attenzione: lo scopo reale di Mark Zuckerberg non è certo quello di venire incontro ai desideri della gente, bensì quello di rastrellare più informazioni possibile. E se ciò è assai arduo da fare con un browser, è molto più facile con un programma, che potrebbe arrogarsi il diritto di accedere a informazioni presenti sul proprio computer o nella rete locale a cui è collegato, un rischio da cui aziende, enti e privati debbono guardarsi molto attentamente.


La Redazione (3321 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*