«See First», l’ultimo social-strillo di Facebook

La nuova funzionalità «See First»: in distribuzione.
La nuova funzionalità «See First»: in distribuzione.
Marco Valerio Principato
Di
Pubblicato il: 25/06/2015
Commenti Commenta | Permalink

Vi piace tanto non perdervi i post di questo o quell’amico, o di questa e quella pagina? Fatto, ora potete «dirlo» a Facebook. E anche autodistruggere i video.

Roma – Cambiare nuovamente, per l’ennesima volta, la modalità di elencazione dei post in bacheca su Facebook? √. Fatto. Qui in Europa – se non presenterà contrasti con le normative sulla privacy – ancora non sembra attivo, ma qualche giorno fa TechCrunch ha detto “spotted”, sommariamente traducibile in “intravisto, beccato“.

In poche parole, come da foto in testa, utilizzare il “See First” (vedi prima) sulla pagina di un amico/a o su una Pagina Facebook comporterà che i post pubblicati dai medesimi saranno i primi ad essere visualizzati in bacheca.

«Un santo Graal per tutti quei marketer che vorranno accertarsi di non essere “filtrati”», dice TechCrunch. Finora, le uniche cose possibili erano smettere di seguire qualcuno/qualche pagina, oppure etichettare un post come “da non vedere”, il che ne garantiva una minore presenza. Per contro, definire qualcuno come “amico intimo” avrebbe permesso di attribuire una certa priorità ai post da vedere.

Insomma un ulteriore passo per cercare di tenere gli utenti il più incollati possibile al proprio portale, che non arriva da solo: il social network s’è anche impegnato con i video, che adesso – molto á la SnapChat – consentiranno di essere dotati di autodistruzione.

La segnalazione della novità, passata per un utente che se ne è accorto e ne ha parlato, è confermata dalla presenza di un opportuno aggiornamento alle pagine di aiuto del social network, che ora parlano chiaramente, anche in italiano, di “data di scadenza”.

Dunque, prepararsi: sui prossimi video si potrebbe vedere la scritta “da consumare, anzi, visualizzare entro il …”,  tenendo presente – ricorda AdAge – che anche un video “scaduto”, qualora rimosso dalla propria pagina, scomparirà anche dal registro attività e dalle statistiche.


Marco Valerio Principato (2072 articoli)

Informatico sin dal 1980, esperto di Internet ed elettronica e attivo in Rete dal 1999, ha curato articoli in diverse pubblicazioni specifiche tra cui Punto Informatico (direzione P. De Andreis) e CompuServe Magazine. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione, è responsabile di questo sito.


Abbiamo parlato di:
,

Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.