Murdoch: Google? Motori? Aggregatori? Pussa via

The New Blog Times
La Redazione
Di
Pubblicato il: 09/11/2009
Commenti 2 commenti | Permalink

Murdoch vuol tirarsi via dai motori di ricerca, in particolare da Google. Sembra voglia farlo non appena tutti i suoi contenuti saranno diventati a pagamento. Avrà efficacia? Forse, ma solo se News Corp non sarà la sola a girare le spalle agli indicizzatori del Web

Roma – Sembra che il magnate dei media Rupert Murdoch, spesso al centro dell’attenzione delle cronache per la sua avversione contro il gratuito online, abbia intenzione di estromettere le proprie pagine da Google (e non solo) nel preciso momento in cui avvierà la fruizione a pagamento dei propri contenuti.

In una lungua intervista, già presente su YouTube, le intenzioni del tycoon emergono più che chiare: quando i contenuti di News Corp saranno tutti a pagamento, una bella modifica al file robots.txt e subito motori di ricerca, aggregatori e altri strumenti che – a suo modo di vedere – pubblicano i suoi contenuti a sbafo, dovranno rivolgersi ad altri lidi.

Una mazzata, sicuramente, per i motori di ricerca. E un piccolo terremoto per i circuiti di advertising coinvolti. Ma, come osserva Webnews, “il leader dei motori di ricerca […] si troverebbe seriamente messo in discussione se gran parte del mondo editoriale vi girasse le spalle, se i contenuti fossero esclusi per scelta specifica dall’indice ed il motore dovesse accontentarsi della parte restante del World Wide Web. Per contro, Google sa di poter far affidamento sul fatto che la scelta di Murdoch possa essere vincente soltanto nel caso in cui non fosse isolata”.

Dunque, per Murdoch ci sarà, oltre che da correggere il file robots.txt, anche da convincere altre importanti realtà a fare esattamente la stessa cosa, diversamente l’alzata di testa rischia di tornargli addosso come un boomerang, inficiando gravemente l’efficiacia comunicativa del suo network in Rete.

Innegabilmente, certe notizie fanno riflettere e fanno dubitare che, forse, quando Barry Diller sostiene che in pochi anni sul Web si pagherà tutto, potrebbe non avere torto. Resta a vedere, come sempre, se la blogosfera lo permetterà: in diversi casi ha già dimostrato di essere autosufficiente.

COMMENTI (FACEBOOK)

La Redazione (3322 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Abbiamo parlato di:
, , , , ,

Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*