La Cina è mobile

The New Blog Times
La Redazione
Di
Pubblicato il: 25/07/2014
Commenti Commenta | Permalink

Per la prima volta in Cina il numero di internauti che usa Internet da dispositivi mobili supera ampiamente quello di coloro che lo fanno da computer. Non solo per chat e messaggi, ma anche per gestire la propria salute e investire.

Anche in Cina, il mercato più imponente per Internet e dispositivi mobili, il sorpasso è compiuto: c’è più gente online da mobile che da computer.

In un rapporto stilato dal CNNIC (China Internet Network Information Center) si rileva che a fine giugno in Cina si sono contati 632 milioni di internauti, cioè 14,4 milioni in più rispetto allo scorso dicembre. Di questi l’83,4 per cento accedono a Internet da dispositivi mobili, ben più dell’80,9 per cento di dicembre.

I cinesi, racconta il New York Times nella sua rubrica Sinosphere, sono ormai continuamente online per svolgere Instant Messaging (e abbiamo visto come WeChat sia molto diffuso e anche intento a svolgere iniziative di utilità sociale, oltre che commerciale), ma anche per ascoltare musica, leggere o videogiocare.

Anche il commercio elettronico è in notevole sviluppo: rispetto ai 292 milioni di internauti che hanno svolto transazioni online a dicembre scorso, la quantità è lievitata del 12,3 per cento. Ma i cinesi non si limitano a questo: ora scelgono spesso di servirsi di Internet anche per individuare servizi e prodotti nel campo della gestione della salute, inclusi quei fondi – come Yu’e Bao, gestito da Alibaba – su cui hanno investito 63,8 milioni di internauti, ossia il 10 per cento degli utenti di Rete totali.

Solo l’uso dei social network e dei servizi di microblogging si è ridotto del 7,4 per cento, passando a 257 milioni in totale, molto probabilmente – secondo il Times – per via delle censure avviate lo scorso anno dal governo.

(Scarica articolo in formato PDF)

COMMENTI (FACEBOOK)

La Redazione (3322 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Abbiamo parlato di:
, , ,

Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*