La contromossa di Samsung

Uno dei concept che circolano sul possibile aspetto
Uno dei concept che circolano sul possibile aspetto
Marco Valerio Principato
Di
Pubblicato il: 22/07/2014
Commenti Commenta | Permalink

Ipotesi molte, ma conferme ancora nessuna. Anzi, una smentita su possibili «lavori in corso» da parte dell’AD di Samsung. Eppure qualcosa bolle in pentola, per forza.

Non si sa esattamente, ancora, come si chiamerà: Galaxy Alpha? Galaxy Fame? Galaxy S5 Prime? Neppure l’agenzia Ansa si sbilancia più di tanto. Ma una cosa è certa: dopo aver lanciato S5, con tanto di spot canzonatorio per coloro che sono bisognosi di carica continua alla batteria, Samsung sta affilando le armi e intende non farsi trovare impreparata per l’arrivo di iPhone 6.

Di ipotesi ne circolano e i bene informati, come l’agenzia coreana ETNews.com, lo dicono chiaramente: sia Samsung che LG hanno in programma il rilascio di diversi nuovi smartphone low-end ma, nel frattempo, sono all’attiva ricerca di materiali dotati di eccellenti performance ma prezzo competitivo. La botte piena e la moglie ubriaca, insomma.

La ricerca che i due colossi stanno facendo è volta – tra l’altro – a evitare, se possibile, l’uso del vetro temperato per il display e adottare invece la plastica ottica, che costa meno e non preclude la strada per produrre schermi curvi, un’altra ipotesi che circola.

E nonostante l’AD di Samsung abbia negato, le voci circolano insistentemente. Si parlerebbe di un oggetto con caratteristiche piuttosto interessanti, almeno sotto il profilo hardware, per quanto concerne Samsung. Alimentato con una batteria da 3000 mAh e mosso da Android 4.4.4, il vociferato nuovo oggetto misurerebbe 142 x 72,5 mm, avrebbe un display da 5,1-5,2 pollici super AmoLED da 2560 x 1440 pixel e sarebbe mosso da una CPU Qualcomm Snapdragon 805 Quad Core a 2,5 GHz.

All’interno si avrebbero 3 GB di RAM, le possibili GPU potrebbero essere le Adreno 420 o 405, la microSD dovrebbe essere da 32 GB (e questo è strano, se persino il BlackBerry Z10, con il sistema aggiornato, gestisce regolarmente 64 GB) e dovrebbe, infine, esservi una fotocamera posteriore da 16 Megapixel e una anteriore da 2 Megapixel che, comunque, per i selfie va più che bene.

L’unico problema vero resta Android: all’utente di livello medio-basso (che costituisce gran parte del mercato a cui Samsung si rivolge) della privacy non interessa nulla, o quasi, per cui la scelta è “indolore”.

Una delle ipotesi è che possa uscire il mese prossimo, tuttavia si tratta sempre di supposizioni e possiamo solo restare in attesa. Personalmente, oltre ad attendere, auspicherei anche la nascita di un Android più rispettoso della privacy, ma questo, come è ovvio, è utopia, essendovi dietro Google.

Marco Valerio Principato

(Scarica articolo in formato PDF)

COMMENTI (FACEBOOK)

Marco Valerio Principato (2078 articoli)

Informatico sin dal 1980, esperto di Internet ed elettronica e attivo in Rete dal 1999, ha curato articoli in diverse pubblicazioni specifiche tra cui Punto Informatico (direzione P. De Andreis) e CompuServe Magazine. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione, è responsabile di questo sito.


Abbiamo parlato di:
, , , ,

Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*