Arriva il BBK BitTorrent Certified Box. A che serve? Per la TV

Arriva il BBK BitTorrent Certified Box. A che serve? Per la TV
La Redazione
Di
Pubblicato il: 10/01/2013
Commenti Commenti disabilitati | Permalink

Un singolare set top box ha fatto la sua comparsa al salone Consumer Electronic Show: un box simile a una Apple TV ma basata su tutt’altro, ossia Android e Bit Torrent.

Roma – Più o meno tutti conoscono BitTorrent: molti lo usano spesso (ma non sempre) per scaricare contenuti non legali da siti sui quali sono disponibili i relativi file Torrent. Siti che si tenta spesso di chiudere ma, come dimostrano studi accademici, senza alcun risultato concreto. Ora però BitTorrent s’è affacciato al CES: è “comparso” uno scatolotto, simile a una Apple TV, che pare voglia servire proprio per portare servizio televisivo: si chiama BBK BitTorrent Certified Box ed è in vendita solo in alcuni paesi europei per 90 euro più trasporto.

Ad annunciarlo per primo è stato ieri TorrentFreak, che ha spiegato come questo gadget sia uno strumento mosso dal sistema operativo Android ed “è il primo apparecchio in grado di inviare in streaming sulla rete locale a cui è connesso i contenuti scaricati dai client µTorrent e BitTorrent”. Le caratteristiche, in verità, sono abbastanza interessanti.

Inoltre, l’apparecchio comprende un trial di una VPN, una tecnologia in grado di far navigare ed eseguire download in maniera anonima, di cui in passato vi sono stati diversi esempi, peraltro ancor oggi in funzione e utilizzabili. Il trial in pratica è un periodo di prova.

BBK è un’azienda che ha partecipato al programma di certificazione BitTorrent, l’ha ottenuta e questo è il suo prodotto più recente. La certificazione BitTorrent è un progetto attivo dal 2008, volto a riconoscere ben precise caratteristiche. La vendita è operata da BOL, Business Origin Ltd, a cui risulta intestato il nome a dominio e di cui nulla di specifico è noto.

Abbastanza singolare è che sul sito non vi siano particolari indicazioni circa i recapiti di chi produce, chi vende, chi è responsabile, a chi rivolgersi per eventuale assistenza e simili: l’unico dato che emerge è l’indirizzo email support@bittorrentbox.com, un po’ poco per stare “tranquilli”, ma vista la natura dell’apparecchio c’è da aspettarselo.


  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Pinterest
  • Pubblica su MySpace
  • Invia su Segnalo
  • Invia a Diggita
  • Segnalibro su Google
  • Pubblica su Blogger
  • Condividi su Google Reader
  • Condividi su Google+

Argomenti trattati:
, , , , ,

Sezione in lettura: Gadget

«

Commenti

I commenti sono chiusi (articolo datato o decisione redazionale).
I ping sono chiusi (articolo datato o decisione redazionale).