LaCie, pronta un’unita a disco USB-C. Per MacBook, certo

Il nuovo hard disk USB-C di LaCie (foto stampa)
Il nuovo hard disk USB-C di LaCie (foto stampa)
La Redazione
Di
Pubblicato il: 11/03/2015
Commenti Commenta | Permalink

Funziona con qualsiasi apparecchio dotato di porta USB-C, compreso MacBook, ovviamente. Finitura in alluminio, Porsche Design, compatto e leggero.

Avete idea di acquistare un MacBook, quello appena presentato da Tim Cook assieme all’Apple Watch, e vorreste anche un hard disk esterno da collegarci? Nessun problema, LaCie ne ha già pronto uno.

Dispone di una porta USB-C e del relativo cavetto che, neanche a dirlo, si collega direttamente al MacBook. Ma, essendo lo standard USB-C retrocompatibile, qualora desideraste utilizzare il disco con apparecchi muniti di porta USB2 o USB3 nessun problema: in dotazione c’è un cavetto adatto.

Nella nota stampa LaCie dichiara che il suo nuovo hard disk è «tremendamente facile da collegare in quanto le due estremità del cavo sono identiche e il connettore è reversibile».  Non vale, naturalmente, se si impiega il cavetto idoneo per prese USB2 o USB3 ma è difficile sbagliare: i connettori sono diversi.

Questa periferica consente 100 MB al secondo di transfer rate, quindi è idonea sia per backup, sia come archivio, sia – neanche a dirlo – come unità per la Time Machine di OS X.

Spesso ben 3 millimetri, il case interamente in alluminio è al contempo leggero e robusto e dello stesso colore del MacBook, così anche i “puristi” saranno felici.

Sarà disponibile entro l’estate, in due versioni: una “slim” da 500 GB e una “large” da 1 TB o 2 TB, sia presso i rivenditori autorizzati che online presso lo store dell’azienda produttrice. Sul prezzo ancora tutto tace.

Per chi non conoscesse il nome LaCie: è il brand con cui Seagate, il noto costruttore di hard disk, commercializza periferiche pronte all’uso. Su questa pagina una breve galleria di foto del prodotto.


La Redazione (3322 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Abbiamo parlato di:
, ,

Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.