Pronti per il Jailbreak di iPhone 4S? Be’, quasi

The New Blog Times
Marco Valerio Principato
Di
Pubblicato il: 31/10/2011
Commenti Commenta | Permalink

Tranquilli: gli affezionati dello sblocco che intendono eseguire il Jailbreak del proprio iPhone o iPad nuovi non hanno molto da attendere. Gli “addetti ai lavori” sono all’opera e qualche timido risultato già c’è

Roma – Chi segue gli eventi di jailbreaking conosce perfettamente nomi come MuscleNerd e iPhone Dev Team. Ebbene, quei nomi stanno lavorando anche stavolta, neanche a dirlo, e cominciano ad avere qualche bozza di brutta copia di appunti sommari, ma qualcosa già c’è ed è evidente, dunque, che è solo questione di tempo.

Basta seguire MuscleNerd su Twitter per sapere che non sta perdendo tempo: questa volta c’è il nuovo “muro” da superare, costituito da iOS 5 e dal chip A5 Dual Core, ma i lavori proseguono e un primo risultato già c’è.

Come mostra l’immagine in testa, che non è altro che l’unione delle due immagini memorizzate su TwitPic e condivise da MuscleNerd, un primo “ingresso” trionfale in iOS 5 c’è stato. Il primo passo, dunque – sia pure con molto lavoro ancora da fare – è stato fatto.

Per il momento gli apparecchi si possono “penetrare” solo in modalità tethered, dunque qualsiasi riavvio dell’iGingillo sottoposto a jailbreak richiede l’allaccio al PC, ma gli osservatori hanno buona ragione di sperare che questo “requisito” venga superato presto: c’è anche altra gente che ci sta lavorando e in questi casi, si sa, l’unione fa la forza.

Il lavoro in atto sta dando qualche frutto anche su iPad, come dimostra questo breve ma eloquente video, dunque nulla da “temere” anche per chi utilizza le tavolette Apple e vorrebbe installare qualcosa in più: il software per eseguire il jailbreak è in corso di “perfezionamento”.

Marco Valerio Principato


Marco Valerio Principato (2076 articoli)

Informatico sin dal 1980, esperto di Internet ed elettronica e attivo in Rete dal 1999, ha curato articoli in diverse pubblicazioni specifiche tra cui Punto Informatico (direzione P. De Andreis) e CompuServe Magazine. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione, è responsabile di questo sito.


Abbiamo parlato di:
, , ,

Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*