Facebook, un’App di Geolocation Sharing

The New Blog Times
La Redazione
Di
Pubblicato il: 05/02/2013
Commenti 1 commento | Permalink

Una nuova App in preparazione permetterà di far incontrare le persone amiche su Facebook segnalandone la vicinanza, con precisione GPS. E intanto i Big Data lievitano.

Roma – È in sviluppo un’applicazione Facebook per smartphone il cui scopo è tenere traccia della posizione geografica dell’utente e riportarla agli “amici” del medesimo. Ne è previsto il rilascio intorno a metà marzo e girerà anche quando non è aperta, ossia in background, si apprende da Bloomberg.

Ad esempio, l’utente Pippo potrebbe ricevere una notifica che lo informa sulla posizione dell’utente Pluto, che si trova “dietro l’angolo” e ciò anche se non si sta esplicitamente impiegando l’applicazione.

Questo progetto dimostra il crescente interesse di Facebook nella condivisione della posizione geografica, peraltro testimoniato anche dalla caratteristica “Cerca amici nelle vicinanze”, implementata nella sua App mobile la scorsa estate. Ciò, secondo il social network, facilitava l’individuazione di nomi pertinenti, senza confonderli con altri analoghi e omonimi.

Tale caratteristica è stata però rimossa per via della causa intentata da FriendThem, altra azienda che ha rivendicato di essere la prima inventrice di tale sistema.

La nuova App, invece, sarà simile ad altre come Glancee o HighLight e girerà, appunto, in background. HighLight, ad esempio, analizza le informazioni utente su Facebook e permette di segnalare la presenza di “amici” vicini, in particolare se tra le persone esistono interessi comuni.

Glancee, invece, è stata acquisita da Facebook e il suo staff è stato assorbito dal social network. Secondo quanto riporta Bloomberg, l’engineering team di Glancee starebbe ora lavorando alla nuova App di Geolocation Sharing.

Non si può, nell’occasione, non ricordare che simili applicazioni, pur utili e simpatiche se prese in assoluto, contribuiscono ad affinare sempre di più il gigantesco magazzino dati di cui Facebook dispone.

Conoscere – con continuità e con precisione GPS – la posizione delle persone e quanto esse fanno dopo essere state “messe in contatto” costituisce un ulteriore punto di osservazione privilegiato, sul quale i Big Data agiscono e da cui è possibile estrarre profili di grande rilievo per le multinazionali pubblicitarie.


  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Pinterest
  • Pubblica su MySpace
  • Invia su Segnalo
  • Invia a Diggita
  • Segnalibro su Google
  • Pubblica su Blogger
  • Condividi su Google Reader
  • Condividi su Google+
Commenti (Facebook)
Commenti (locali)
I ping sono chiusi (articolo datato o decisione redazionale).