Chrome caccia fuori Java e Silverlight

The New Blog Times
La Redazione
Di
Pubblicato il: 16/04/2015
Commenti Commenta | Permalink

Google ha deciso che dal prossimo settembre il supporto alle NPAPI in Chrome sarà completamente rimosso. Per ora è solo disabilitato ma è ancora presente, benché da Google arrivino chiari segnali di volersene sbarazzare al più presto.

Roma – La versione 42 di Google Chrome, il celebre browser made in Mountain View rilasciata ieri come versione stabile, prende un’iniziativa: sbattere fuori dal Web i vecchi plugin progettati secondo lo standard NPAPI (“NetScape Plugin API”). Ciò nell’immediato significa, tra gli altri, che plugin come Java e Silverlight, per Chrome, non esistono più.

Per il momento coloro i quali ne avessero proprio bisogno possono ancora usarli: il browser dispone di un’impostazione in grado di ri-abilitare le API e coloro che avessero l’incarico di amministratori possono impiegare le policy enterprise per rendere (o meno) ciò possibile.

Tuttavia, non durerà molto: il prossimo settembre Google ha intenzione di rimuovere del tutto il supporto alle NPAPI. Nelle versioni per Linux, questo supporto è stato già rimosso sin dalla versione 35 di Chrome e nel mondo mobile è altrettanto già da tempo.

La decisione, dice Google, è dovuta al fatto che le NPAPI sono causa di «blocchi, crash, incidenti di sicurezza e complessità di codice». Perciò l’azienda suggerisce agli sviluppatori che impiegavano le NPAPI di usare gli standard Web attuali (ad esempio NetFlix, che prima usava Silverlight, da un paio d’anni impiega le Encrypted Media Extensions assieme al video HTML5) oppure le estensioni proprietarie di Google, come il client nativo NaCl.

Questi nuovi meccanismi sono peraltro stati progettati per operare al meglio con il sistema di sandboxing di Chrome. Fin dal 2010 il supporto Flash di Chrome impiega, ad esempio, un’API alternativa chiamata Pepper/PPAPI, il che conferma che essa al momento non è coinvolta nella novità della rimozione delle NPAPI.

Al momento le NPAPI sono ancora supportate da Safari e da Firefox, mentre Internet Explorer non le supporta più sin dalla versione 5.5 Service Pack 2.


La Redazione (3322 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.