LimeWire, un po’ di quiete dopo la tempesta

The New Blog Times
La Redazione
Di
Pubblicato il: 11/03/2011
Commenti Commenta | Permalink

Un’importante controversia accesa contro LimeWire è giunta a un punto di svolta: le parti pare abbiano trovato un accordo. C’è un po’ di respiro, ma sull’organizzazione e sul titolare ancora grava una denuncia

Roma – Dopo un turbine di azioni legali intraprese da diversi produttori musicali, sembra che LimeWire intraveda un attimo di quiete: c’è un barlume di calma nell’azione intrapresa contro l’organizzazione da ben 30 diversi editori musicali, tra i quali EMI, Sony e Vivendi SA.

L’ex sito di file sharing e il suo fondatore, Mark Gorton, erano stati denunciati lo scorso anno dal gruppo di aziende con l’accusa di aver reso possibile ai propri utenti di scaricare illegalmente delle canzoni, ovviamente protette dal diritto d’autore.

L’azione si è scatenata contro LimeWire dopo che una precedente sentenza promossa dalla Recording Industry Association of America (RIAA) aveva denunciato l’organizzazione, ritenendola responsabile di violazione del copyright. LimeWire ha tentato di sorreggersi ma, per successivo ordine della corte di giustizia, è stata obbligata a sospendere l’attività.

Non sono noti i dettagli esatti della controversia, ma sia l’azienda che Mr. Gorton pare siano riusciti a ottenere la cancellazione delle accuse pendenti, secondo quanto riferiscono le agenzie di stampa. Un portavoce dell’azienda ha inoltre dichiarato a Cnet: “Siamo contenti che la lite sia finita. Le parti in causa si sono impegnate per trovare un accordo, che è un ottimo risultato per tutti gli attori coinvolti”.

Resta, ora, da affrontare un’altra denuncia a carico di LimeWire, presentata lo scorso dicembre da 23 diversi editori musicali tra i quali figurano Arista, Atlantic, Capitol Records, Motown, Sony BMG, Virgin e Warner Brothers. La causa è fissata per il 2 maggio prossimo.


  • Consiglia su Facebook
  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Pinterest
  • Pubblica su MySpace
  • Invia su Segnalo
  • Invia a Diggita
  • Segnalibro su Google
  • Pubblica su Blogger
  • Condividi su Google Reader
  • Condividi su Google+

Argomenti trattati:
, , , , ,

Sezione in lettura: Lex & Net

« »

Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.