Winklevoss: 65 milioni di dollari posson bastare

The New Blog Times
La Redazione
Di
Pubblicato il: 23/06/2011
Commenti Commenta | Permalink

Raggiunto il settlement definitivo: i gemelli Winklevoss rinunciano ufficialmente a ricorrere alla Corte Suprema e si “accontentano” dei 65 milioni già ricevuti. La sentenza diventa inappellabile

Roma – Cameron e Tyler Winklevoss, i due compagni di Università di Mark Zuckerberg, “dopo attente valutazioni” hanno deciso: a differenza di quanto avevano minacciato, nessun ricorso alla Corte Suprema degli Stati Uniti. In altri termini, i 65 milioni di dollari a suo tempo ricevuti per liquidare la questione posson bastare.

Insieme a loro e sullo stesso piano anche Divya Navendra, che ha sottoscritto unitamente ai Winklevoss l’atto di rinuncia presentato al nono circuito delle Corti di Appello degli Stati Uniti d’America, per il tramite dei propri legali.

I due avevano sostenuto che loro e non Mark Zuckerberg avevano avuto per primi l’idea di realizzare un “Face Book”. Nel 2008 è stato riconosciuto loro un importo di 65 milioni di dollari (equivalenti a circa 45 milioni di euro) a chiusura della lite. Hanno poi tentato di rinnegare l’accordo sostenendo che Facebook aveva nascosto aspetti essenziali per la valutazione.

La Corte di Appello federale USA ad aprile ha poi rigettato l’istanza di appello con cui i gemelli cercavano di svincolarsi dal precedente accordo e di qui l’ipotesi di ricorso alla Corte Suprema.

Ora, invece, i gemelli hanno sottoscritto la rinuncia piena a tutte le accuse contro Facebook. A precisarlo è il giudice Alex Kozinski, che precisa anche come la sottoscrizione di tale rinuncia sia estremamente favorevole e conferisca ulteriore valore all’azienda di Zuckerberg.

Al di là delle “attente valutazioni”, i gemelli Winklevoss non hanno in effetti resa nota alcuna specifica ragione per aver preso questa decisione. A questo punto, la sentenza finale diventa quella transattiva, nella quale i gemelli hanno ricevuto i 65 milioni e diventa inappellabile.


La Redazione (3321 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*