Microsoft Xbox Music, 30 milioni di brani. Anche su Android e iOS

The New Blog Times
La Redazione
Di
Pubblicato il: 16/10/2012
Commenti Commenta | Permalink

Non solo su Xbox, non solo sui device Windows Phone e Windows 8: Microsoft ha annunciato anche lo sbarco su Android e iOS. Attacco ‘termo-musicale’ globale?

Roma – Weekend e settimana all’insegna della battaglia, quelli di Microsoft: c’è l’uscita di Xbox Music, il nuovo servizio con un catalogo di 30 milioni di brani, che però non si limiterà solo a Xbox, ma uscirà anche su Android e su iOS, andando così a fronteggiare direttamente i due mercati concorrenti più forti.

Il passo di Microsoft arriva portandosi dietro la morte ormai pressoché totale di Zune e va a collocarsi in un momento in cui i mercati sono in attesa del 26 ottobre, data di uscita di Windows 8, il successore di Windows 7.

Lampante l’intenzione di aggredire un mercato ormai consolidato come quello di iTunes, che nel mondo Apple è il padrone incontrastato dell’intrattenimento online. L’iniziativa fronteggia anche il mercato di Spotify, un servizio che ha ancora delle limitazioni territoriali (Italia inclusa), ma che altrove ha molto successo.

La scelta di Xbox, infatti, è strategica anche per il posizionamento fisico: la console di Microsoft si trova, in linea di massima, laddove si trovano anche le Apple TV, che in Italia non hanno ancora “sfondato” ma fanno parte del pacchetto generale dell’offerta Apple. E Microsoft sa bene di avere in circolazione 67 milioni di console.

A questo si deve aggiungere che l’altro sbocco autonomo di cui Microsoft potrebbe usufruire è costituito dai nuovi tablet e dai (pochi) smartphone basati su Windows 8 e Windows Phone, che non è tuttavia ancora cospicuo e già promettente dal punto di vista quantitativo come lo sono 67 milioni di console già esistenti.

Tuttavia si tratta di un settore d’offerta dal quale Microsoft non sembra volersi sottrarre. Ed è per questa ragione che ha deciso di sferrare l’attacco anche in quelle direzioni dove già esiste una realtà consolidata di consumo multimediale, ossia Android e iOS.

Xbox Music si presenterà dunque come servizio gratuito, supportato dalla pubblicità, per la riproduzione su device mossi da Windows 8, Windows Phone e Xbox. La pubblicità si potrà rimuovere corrispondendo un obolo da 10 dollari al mese o 100 dollari l’anno. Il tutto sarà accompagnato da un sistema di download per scaricare musica e da un’area di appoggio in tecnologia cloud per ospitare playlist e brani acquistati, anche questo in aperta concorrenza con Apple.

Da oggi, dunque, il nuovo servizio sfida frontalmente iTunes – qui meglio conosciuto – e Spotify – più conosciuto oltreoceano – con un’offerta sventagliata pressoché ad angolo giro. Solo pochi giorni fa, Amazon aveva annunciato l’uscita del proprio store musicale, con tanto di cloud e titoli di tutto rispetto, insomma, i giganti ci sono. Segno evidente che è un mercato, in questo momento, che tira ovunque.


La Redazione (3321 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*