Adobe e Nanigans in partnership con Facebook

Le nuove strade dell'advertising...
Le nuove strade dell'advertising...
La Redazione
Di
Pubblicato il: 24/11/2014
Commenti Commenta | Permalink

Due nuove partnership conferiranno alla piattaforma di advertising di Facebook ulteriori funzionalità. Con una profondità ontologica notevolissima.

La scorsa settimana Facebook ha suggellato un nuovo “accordo di piattaforma” che consentirà al social network di ampliare e affinare la propria offerta pubblicitaria.

La decisione giunge in seguito all’annuncio di Adobe di aver avviato un programma di data-driven marketing features all’interno del proprio sistema Adobe Marketing Cloud. Inoltre, Nanigans, azienda specializzata nel social mobile advertising, ha essa stessa siglato un accordo con MoPub che, come noto, si avvale di tecnologie “ultimo grido” per la targetizzazione della clientela.

Attraverso la tecnologia dell’Intelligent Location Marketing gli utilizzatori dei servizi di Adobe potranno invogliare i propri clienti con contenuti per essi rilevanti e messaggi basati sulla distanza intercorrente tra loro e i c.d. iBeacon, cioè quei punti di interesse che avranno aderito alle iniziative pubblicitarie basate sulla geolocalizzazione.

Adobe ha così descritto l’Intelligent Location Marketing in una nota stampa:

Gli inserzionisti possono offrire messaggi “in-app” geolocalizzati per portare engagement in tempo reale e seguire il cliente con campagne email che sfruttino l’intelligence sulle interazioni di un cliente con un negozio al dettaglio, un impianto sportivo e altri punti di interesse, avvenute in passato. Ulteriori novità portate dal data-driven marketing comprendono il test in tempo reale sulle app mobili, un cruscotto intuitivo che consente agli inserzionisti di supervisionare tutti i dati relativi alla propria app su un’unica schermata e un portafoglio di asta pubblicitaria multidimensionale in grado di collocare i propri annunci sui device mobili.

Naningans, invece, ora sospinge ancora di più l’attività sul mondo mobile. L’azienda ha annunciato la scorsa settimana la partnership con MoPub, «il più grande circuito di cataloghi e scambio annunci per il mondo mobile».

Questo accordo permette a Nanigans di estendere le funzionalità del proprio software all’interno dei “canali” gestiti da MoPub ed è il primo di una serie di accordi che l’azienda ha intenzione di siglare nei prossimi mesi.

Ric Calvillo, co-fondatore e AD di Nanigans, ha così descritto le ragioni dell’accordo:

Le persone trascorrono le loro giornate spostantosi tra device diversi e tra editori diversi, quindi i team marketing richiedono un’unica piattaforma per gestire le loro campagne lungo l’intero percorso di questo “comportamento”. La visione di Nanigans è di dotare gli addetti al marketing di questo software, creando un quadro completo del comportamento dell’utente e accoppiandolo con l’ottimizzazione ricavabile dal nostro modello predittivo basato sul machine learning. Nanigans e MoPub condividono estremo rispetto per la trasparenza, dunque siamo entusiasti di annunciare la nostra partnership e offrire agli inserzionisti finali accesso diretto all’intero loro “inventario mobile” (di destinatari, ndR).

Va da sé che una simile partnership, così come quella con Adobe, è resa possibile da un abbondante interscambio di ontologie, che Facebook può mettere a disposizione a questi circuiti grazie al proprio gigantesco archivio di informazioni Big Data sulle persone.

Della privacy? Ma quello l’ha già detto Zuckerberg: della privacy non importa nulla a nessuno. E a giudicare da come la media delle persone si pone su queste questioni, sembra che sia proprio vero.

COMMENTI (FACEBOOK)

La Redazione (3322 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Abbiamo parlato di:
, , ,

Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*