Evoluzione «social» del commercio elettronico

Il ruolo dei social si amplia sempre più.
Il ruolo dei social si amplia sempre più.
Marco Valerio Principato
Di
Pubblicato il: 21/03/2015
Commenti Commenta | Permalink

Pagine: 1 2 3 4 Tutte

Una breve carrellata per capire come cambia il mondo del commercio elettronico con la presenza dei social network: sono modelli del tutto nuovi.

Esordi

L’e-commerce, o commercio elettronico, probabilmente è il più importante motore grazie al quale, intorno alla rete Internet, ruota un’importante porzione dell’economia globale. Oggi si può constatare con facilità che i social network – segnatamente, Facebook – sono entrati a viva forza nel nucleo concettuale di quel motore.

Un breve rewind per capire. All’epoca della sua “maturità” il commercio elettronico si fondava su un rapporto tra domanda e offerta di prodotti e servizi mediato da realtà singole, oppure da realtà specializzate.

L’organizzazione commerciale che intendeva entrare nel meccanismo doveva semplicemente (eufemismo, ma per semplificare) dotarsi di un portale Web “e-commerce ready”, pronto per il commercio elettronico, quindi pubblicizzarsi come tale e attendere l’avvio del meccanismo.

Oppure, era possibile servirsi di altre organizzazioni il cui core business fosse proprio quello di allestire delle vetrine virtuali sul Web, entro le quali svolgere la medesima attività di commercio elettronico (è il caso dei grandi portali non monomarca, sui quali si acquistano prodotti e servizi di diverse marche).


Pagine: 1 2 3 4 Tutte

Marco Valerio Principato (2072 articoli)

Informatico sin dal 1980, esperto di Internet ed elettronica e attivo in Rete dal 1999, ha curato articoli in diverse pubblicazioni specifiche tra cui Punto Informatico (direzione P. De Andreis) e CompuServe Magazine. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione, è responsabile di questo sito.


Abbiamo parlato di:
, , ,

Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.