WhatsApp è WhatsPhone, solo Android (per ora)

The New Blog Times
Marco Valerio Principato
Di
Pubblicato il: 02/04/2015
Commenti Commenta | Permalink

Quanto vi interessa davvero che WhatsApp abbia avviato il servizio di conversazione vocale tra utenti (per Android, gli altri a breve)? Sareste disposti a dirmelo in un commento, qui o su Facebook va bene lo stesso?

Su, su, coraggio: ditelo che siete felici di aver appreso che WhatsApp su Android, cioè l’ottanta per cento del mercato smartphone, ora consente anche di telefonare. Così, se ancora è avanzato un po’ di traffico Internet ma i minuti sono finiti, possiamo sentire gli amici lo stesso.

Sul mio Samsung S3 a dire la verità la voce “chiamate” già c’è da un pezzo, non so perché (ora aggiornatelo, se non vi compare): forse speravano che mi convertissi anch’io all’uso esclusivo di WhatsApp. Dal mio punto di vista è solo arrivato molto tardi: le persone a cui tengo di più sono già presenti da parecchio tempo in BBM e lì posso sentirle anche a voce, oltre che chattare con loro, da molto prima di WhatsApp. Diciamo che non ho ancora avuto occasione – e quindi voglia – di provare la novità: semplicemente non ne ho alcuna urgenza.

Per la verità c’è anche Viber, il quale fa già parlare addirittura da prima di BBM, con ottima qualità vocale. E poi, a dirla tutta, in fin dei conti anche Facebook Messenger, che – dice Zuck – ha il dieci per cento delle chiamate VoIP, permette di chiamare gli altri utenti che la hanno. Quella l’ho provata e non funziona male, tutt’altro, anche se permette solo di parlare con i propri amici di Facebook che l’abbiano installata.

Gli amici iPhone-dotati (o iOS, comunque) stavolta debbono aspettare un po’ – una o due settimane, dice – per avere anche loro la fonia su WhatsApp. Appena ci sarà, proverò: un confronto debbo farlo.

Non dovrebbero esserci problemi neppure su BlackBerry 10, che a partire dalla versione 3.1 permette agli sviluppatori possibilità evolute: anche lì, a breve, WhatsApp dovrebbe disporre della funzione fonia. Riterrei, pur non essendoci conferme, che anche Windows Phone dovrebbe averla presto.

Bene, per una volta chiedo a chi avesse voglia di farlo una cortesia: so che oggi non piace più lasciare commenti su un sito, al massimo su Facebook, ma vorrei tanto che ciascuno mi dicesse quanto davvero è interessato/a al fatto di poter chiamare a voce tramite WhatsApp. Va bene sia un commento qui (abbiate pazienza, sono tutti in moderazione, ma gli stiamo dietro) o anche su Facebook, fa lo stesso.

Ho la netta sensazione che, almeno limitatamente al mercato italiano, la novità non sia poi di tutto questo grande interesse e vorrei sentirlo dalla “viva voce” di chi, da questo momento in poi, dispone della funzione.

Al netto di ogni questione legata alla privacy, osservo comunque un fatto: le possibilità di comunicare sono certamente aumentate e lo fanno in assoluta indipendenza e in totale sopravvento rispetto al servizio voce di rete fissa, al quale, in tutta franchezza, non so quanto resti ancora da vivere.


Marco Valerio Principato (2072 articoli)

Informatico sin dal 1980, esperto di Internet ed elettronica e attivo in Rete dal 1999, ha curato articoli in diverse pubblicazioni specifiche tra cui Punto Informatico (direzione P. De Andreis) e CompuServe Magazine. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione, è responsabile di questo sito.


Abbiamo parlato di:
, ,

Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.