Blackberry 10, la promessa (e la speranza) di Research In Motion

The New Blog Times
La Redazione
Di
Pubblicato il: 26/09/2012
Commenti 2 commenti | Permalink

Research In Motion informa su Blackberry OS 10, stupisce gli astanti e convince persino la borsa, facendo salire le azioni. Ma ancora non si sa quando uscirà il nuovo smartphone

Roma – Il celebre smartphone, si potrebbe anche dire “il primo, vero smartphone”, il Blackberry, negli ultimi tempi ha vissuto alterni successi e ha rischiato di essere schiacciato dalla concorrenza, a partire dalla linea iPhone di Apple. Ora però tale tendenza si sta invertendo: Research In Motion, la casa produttrice, ha lavorato – e lavora – sodo sulla nuova versione del suo sistema operativo, BlackBerry OS 10 e, congiuntamente, c’è “nuovo hardware” nell’aria, precisamente un nuovo smartphone che finalmente accorcia (se non azzera) le distanze con la concorrenza.

Il nuovo sistema operativo nasce con in mente le feature di un sistema touch a tutti gli effetti. La manovrabilità, l’efficienza e la morbidezza di funzionamento, almeno stando ai filmati ufficialmente pubblicati (alcuni sono incorporati in fondo all’articolo), non sembra avere pressoché più nulla da invidiare a un iPhone, a un Galaxy o a un HTC.

Uno dei maggiori sforzi compiuti dalla casa è proprio in direzione dell’attrazione di nuovi sviluppatori. A questo si aggiunge il recente effetto positivo in borsa, con le azioni salite del 5 per cento, in seguito all’annuncio di aver conseguito un aumento della subscriber base, salita a 80 milioni di iscritti all’inizio di settembre 2012 e all’ingresso di nuovi sviluppatori nella developers base dell’azienda.

A fronte di un sistema operativo che sembra, per la prima volta dopo molto, arrivare in tempo per non mangiare polvere, la seconda versione del prototipo di smartphone idoneo al Blackberry OS 10 è stato appena illustrato agli sviluppatori a San Jose, in California, dove nel corso del keynote Thorsten Heins, presidente e direttore executivo di RIM, non ha segnalato alcuna data precisa per il lancio. Ha però dichiarato che si tratterà del “nostro lancio finora più importante” e che i nuovi smartphone, la cui uscita è già stata rimandata due volte, usciranno il prossimo anno, benché in data non ancora stabilita.

Nell’architettura sono già previste le applicazioni per Facebook, LinkedIn, Twitter e FourSquare, naturalmente in aggiunta al Blackberry Messenger (BBM). Il tutto sarà integrabile a volontà con le tipiche applicazioni di agenda, calendario, rubrica, appuntamenti e posta elettronica.

Come tradizione, l’azienda ha posto attenzione alle caratteristiche di interesse per governi ed enterprise, nonché alla possibilità di svolgere più funzioni sulla stessa schermata senza dover abbandonare ogni volta la singola applicazione necessaria.

“Siamo certi che la piattaforma Blackberry 10 contraddistinguerà i prossimi 10 anni, tanto incisivamente quanto lo ha fatto il Blacberry degli ultimi 10 anni”, ha detto Thorsten Heins, precisando che le dimostrazioni svolte finora con i nuovi prototipi presso gli operatori telefonici ha lasciato gli astanti senza fiato, inclusi coloro che fino a un attimo prima erano pronti a decretare la fine del marchio.

Che dietro vi sia una fervente attività non vi sono dubbi: lo dimostra la recente uscita di un aggiornamento alla piattaforma di sviluppo per Blackberry 10 OS, nella quale è contenuto un plugin per il compilatore C/C++ di Microsoft Visual Studio, che consente agli sviluppatori di eseguire rapidamente il porting delle loro applicazioni su BB OS 10 e sul PlayBook.

Particolare attenzione, secondo gli annunci, è anche rivolta al profilo della sicurezza e stando a chi è riuscito ad ottenere una degustazione di prova, le premesse per riguadagnare terreno sembrerebbero esserci tutte.

Certo, ora ci vorrebbe un annuncio in più: quello di una “data di uscita” per un oggetto del quale, per adesso, oltre a ciò che si vede nei filmati circolano solo foto “presumibili”, come quella in testa, pubblicata da SlashGear. Forse un simile annuncio sarebbe utile per l’impegno che Research In Motion ha per domani, con una platea molto meno malleabile: quella degli investitori, a cui dovrà comunicare i risultati finanziari del trimestre fiscale appena concluso.

COMMENTI (FACEBOOK)

La Redazione (3322 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.

  • Feed RSS autore
  • Twitter
  • Facebook

Abbiamo parlato di:
, , , , ,

Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*