Adobe Character Animator: tutti novelli Disney

Il principio di funzionamento.
Il principio di funzionamento.
La Redazione
Di
Pubblicato il: 10/04/2015
Commenti Commenta | Permalink

Se in voi c’è un «novello Walt Disney», con l’aiuto di questi strumenti realizzare una produzione animata, parlante, comica, tutto in digitale, sarà un gioco.

Milano – Avete mai pensato di animare un cartone con le vostre stesse espressioni, fargli muovere la bocca secondo le vostre parole, insomma essere “voi” sotto forma di disegno animato? Con Adobe Character Animator è possibilissimo.

L’idea ha iniziato ad aleggiare lo scorso anno ad Adobe MAX, dove l’azienda ha mostrato come sia possibile impiegare gli algoritmi di riconoscimento del volto, gli stessi impiegati da tanti altri sistemi, proprio per svolgere questa attività.

Si trattava di una sorta di anticipazione che ora, però, è diventata realtà con questo nuovo programma di Adobe, il “compagno perfetto” di After Effects che già consente di dar vita a delle animazioni 2D sfruttando il proprio viso e una Webcam. Voi parlate, il disegno parla; strizzate un occhio, il disegno fa lo stesso.

Per ottenere un risultato ci vuole Photoshop o Illustrator (o Gimp) con cui va costruito un personaggio strutturato, con tanto di testa, occhi, bocca e altre caratteristiche tipiche di un volto espressivo. Character Animator penserà al resto: si servirà di tutti i livelli e della struttura costruita per dargli animazione. Naturalmente, i personaggi costruiti con Photoshop o Illustrator consentiranno di aggiornare automaticamente le animazioni.

Per il resto ci vuole una Webcam: essa permetterà di trasmettere al personaggio la posizione, la rotazione del capo e le espressioni. Persino le labbra possono essere sincronizzate (c’è un’apposita procedura) e muoversi come le vostre, ovviamente in sincrono con la voce. E come si può osservare dai video in fondo, le possibilità sono davvero molte.

Si possono aggiungere particolari effetti ed animazioni “fisici”, così da conferire ancora maggior realismo. Ad esempio: capelli oscillanti per via del vento, orecchini che si muovono insieme al capo, palpebre che sbattono, e via discorrendo. Ci sono apposite funzioni per farlo.

Nulla vieta poi di aggiungere altri dettagli alla scena, come pioggia, neve o ulteriori personaggi che fanno altro. Non c’è limite alla fantasia: qualsiasi disegno può essere animato e si possono anche registrare diverse performance di uno stesso disegno, come fosse un “registratore multitraccia”, con l’apposita Timeline che può poi essere editata come si vuole.

L’unione con gli altri strumenti di Adobe, After Effects o Premiere Pro completa il tutto, consentendo animazioni davvero realistiche. Chi ha la vocazione da novello Walt Disney non ha che da attrezzarsi e iniziare a produrre: cartoni, comiche, pubblicità, prodotti multimediali per bambini, c’è solo da scegliere.

Qui di seguito alcuni video.

L’annuncio del prodotto:

Alcune prove:


La Redazione (3322 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Abbiamo parlato di:
, ,

Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.