Telefonini, SMS-spia: un allarme parzialmente ingiustificato

The New Blog Times
Marco Valerio Principato
Di
Pubblicato il: 20/03/2009
Commenti 7 commenti | Permalink

Pagine: 1 2 3 4 Tutte

Alla luce delle ricerche svolte, i timori sono giustificabili solo parzialmente. Si tratta di cose esistenti, ma non come sono state descritte dai media mainstream. I dettagli

Roma – Nelle scorse ore, sia sui media mainstream, sia sui diversi quotidiani online, sia nella blogosfera, è circolato un vero e proprio allarme sull’esistenza di un sistema in qualche modo in grado di «attaccare» un cellulare di recente costruzione, iniettargli un software-spia in grado di assumerne il controllo, e dare ad una terza persona il potere di aver copia di SMS inviati e ricevuti ed elenchi conversazioni, comandare le periferiche del cellulare (telecamera, microfono, ecc.), geolocalizzarlo e, soprattutto, intercettarne le chiamate.

L'articolo del Corriere della Sera del 19 marzo 2009

L'articolo del Corriere della Sera del 19 marzo 2009

Tra i primi a lanciare un allarme abbastanza circostanziato è stato il Corriere della Sera, con un articolo «agganciato» al caso Genchi.

Leggendo l’articolo del quotidiano, qualsiasi persona solo «appena smaliziata» nel campo della telefonia cellulare e di Internet si renderebbe immediatamente conto che c’è parecchia superficialità nella scelta dei termini, impiegati spesso in modo improprio e, possibilmente, ad arte per catturare l’attenzione di motori di ricerca e lettori in carne ed ossa.

Non si comprende, ad esempio, il nesso tra lo «spionaggio» e il P2P (Peer To Peer), che pur se non errato in linea di principio tecnologico – l’intercettazione o il comando a distanza avvengono da singolo a singolo, volta per volta – sembra proprio una parola chiave, una keyword messa là solo per consentire la categorizzazione automatica dell’articolo anche sotto quella voce, ultimamente salita spesso agli onori della cronaca.

Il tono generale dell’articolo, pur se improntato ad una certa semplicità linguistica per essere compreso da tutti, finisce inevitabilmente per sollevare molta attenzione ingiustificata, perché bombarda il lettore di riferimenti mitragliati a ripetizione su un arco di 360 gradi: si porta chi legge dall’aspetto intercettazioni, inquadrato in un ambito di sicurezza, a quello spionistico, che riferisce del coinvolgimento del Comparto Sicurezza istituzionale.

C’è poi un sommario, generico e impreciso quadro del quale avrebbero riferito i tecnici sulle dinamiche del fenomeno, seguito da un lancio di ulteriore allarme per cose che, evidentemente, non sono state citate (nel paragrafo sopra) da chi avrebbe dovuto, cioè i tecnici del Comparto Sicurezza e del Garante per la Privacy. La chicca finale dell’articolo è l’arte di lasciare il dubbio, con tutte le perplessità espresse da personaggi politici e tecnici, allargando naturalmente l’orizzonte sul piano internazionale.

Meno allarmistico e più obbiettivo Il Giornale, che si è limitato a riferire di quanto stanno apprendendo e facendo le Istituzioni. La vicenda, al momento della redazione, riguardando certamente il Copasir e Rutelli, sembra assente dal Sole 24 Ore e anche da La Repubblica. Moltissimi sono, comunque, i siti che hanno citato la vicenda, comparsa anche in televisione.

(Segue a pag. 2)


Pagine: 1 2 3 4 Tutte

Marco Valerio Principato (2065 articoli)

Informatico sin dal 1980, esperto di Internet ed elettronica e attivo in Rete dal 1999, ha curato articoli in diverse pubblicazioni specifiche tra cui Punto Informatico (direzione P. De Andreis) e CompuServe Magazine. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione, è responsabile di questo sito.


Commenti (Facebook)
Commenti (locali)
  1. Cellulari Spia scrive:

    Se non ricordo male, il comunicato stampa pareva avere lo scopo principale di spingere verso l’alto le azioni della società di proprieà del consulente chiamato a testimoniare dal Copasir, eccellente materiale per la Consob….
    L’allarme era totalmente ingiustificato, dal momento che era tecnicamente non corrispondente alla realtà di mercato di quel momento.




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.