Sistemi operativi mobili e smartphone: il punto

La scelta oggi è ampia sull'hardware, ma le piattaforme operative sono sostanzialmente due: Android di Google e iOS di Apple.
La scelta oggi è ampia sull'hardware, ma le piattaforme operative sono sostanzialmente due: Android di Google e iOS di Apple.
Marco Valerio Principato
Di
Pubblicato il: 21/12/2015
Commenti Commenta | Permalink

Pagine: 1 2 3 4 5 6 Tutte

A fine 2015 uno sguardo sul punto in cui siamo arrivati con i sistemi operativi mobili e ciò che, ragionevolmente, possiamo aspettarci per il futuro prossimo.

Roma – Parlare di smartphone e sistemi operativi mobili ormai non stupisce più nessuno: si dà per scontato, la stragrande maggioranza degli individui ne possiede (almeno) uno, ne fa più o meno consapevolmente impiego e magari anche da abbastanza tempo. Ma per il futuro cosa possiamo aspettarci, alla luce del punto in cui siamo arrivati oggi?

I grandi “interpreti” di questa sinfonia mondiale ormai sono quattro: Android di Google, iOS di Apple, Windows Phone/Windows 10 di Microsoft, BlackBerry OS 10 e i “residuali”, ossia Symbian di Nokia e gli altri sistemi “chiusi”, customizzati per specifici terminali mobili che, però, numericamente non hanno più alcuna influenza.

Le statistiche di IDC e altri, in termini di penetrazione di mercato, parlano chiaro: arrotondando, Android è il più diffuso e ne occupa quasi l’85 per cento, iOS è intorno al 14 per cento, Windows circa sul 2.5 per cento e BlackBerry OS, fanalino di coda, è a percentuali risibili, cifre addirittura decimali dopo lo zero. Symbian e i custom sono, appunto, “residuali”, dunque neppure presi in considerazione (in totale, comunque, stanno persino “sopra” BlackBerry…).


Pagine: 1 2 3 4 5 6 Tutte

Marco Valerio Principato (2067 articoli)

Informatico sin dal 1980, esperto di Internet ed elettronica e attivo in Rete dal 1999, ha curato articoli in diverse pubblicazioni specifiche tra cui Punto Informatico (direzione P. De Andreis) e CompuServe Magazine. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione, è responsabile di questo sito.


Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.