Hello, Microsoft Windows 10: addio alle password

Microsoft Campus.
Microsoft Campus.
La Redazione
Di
Pubblicato il: 18/03/2015
Commenti Commenta | Permalink

Usare le password come discrimine di accesso si fa sempre più antiquato: con il nuovo Hello di Microsoft basterà toccare. Oppure farsi solo guardare.

Le password? Cosa vecchia. Non è solo Yahoo a pensare a modi alternativi: anche Microsoft è della partita, con il suo nuovo sistema biometrico battezzato Hello.

Lo introdurrà in Windows 10, la nuova versione del sistema operativo made in Redmond che arriverà tra breve e ha l’ardire di essere “universale”, ossia progettato sia per computer tradizionali che device mobili/portatili.

Disporre di Hello significherà poter scandire il proprio volto, la propria iride o la propria impronta digitale per garantirsi l’accesso a smartphone Windows Phone, laptop e PC.

L’azienda, nell’annunciarlo ieri, ha precisato che i dati biometrici verranno memorizzati solo localmente e mantenuti anonimi, così da assicurare che i propri dati personali restino protetti da eventuali intrusioni. Una volta riconosciuto l’utente vengono sbloccati speciali dati, crittografati con crittografia asimmetrica, usati per autenticarsi agli altri servizi, in unione con Microsoft Passport.

La funzione sarà però disponibile solo su quei device in grado di farla lavorare con hardware adatto. Intel ha fatto sapere che, in ogni caso, qualsiasi apparecchio impieghi il proprio chip dedicato, il sensore F200, potrà far funzionare Hello.

Questa novità rappresenta l’ultimo degli sforzi di Microsoft di rendere i propri prodotti più inclini a un’interazione naturale con gli utenti, così come ha già fatto con il sensore Kinect per la console Xbox e il suo assistente personale, Cortana, che sui Windows Phone è un concorrente di Siri di Apple e degli altri sistemi delle altre case.

Gli Apple addict molto probabilmente gongoleranno, pensando che già dispongono di una funzione simile (parte di essa, in realtà) fin dall’iPhone 5S. Tuttavia, in questo caso c’è dalla parte dell’azienda di Redmond una già solida diffusione sui mercati decisamente più vasta: ciò avrà, dunque, il non trascurabile effetto di dare al sistema una diffusione “di massa”, rendendola universalmente adottata e conosciuta rispetto alla elite cui si rivolgono costruttori come Apple.


La Redazione (3322 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Abbiamo parlato di:
, ,

Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.