Opera? Defunto. Passerà a WebKit

Opera? Defunto. Passerà a WebKit
La Redazione
Di
Pubblicato il: 13/02/2013
Commenti Commenti disabilitati | Permalink

Opera Software annuncia in pompa magna che gradualmente cambierà il motore interno del proprio browser, Presto. In altri termini, Presto andrà in pensione e al suo posto ci sarà lui: WebKit.

Roma – Un fulmine a ciel sereno non meno sorprendente di quello che ha colpito la cupola di San Pietro a Roma, dopo le “dimissioni” di Papa Benedetto XVI: Opera, produttore dell’omonimo browser anche in versione mobile, annuncia che passerà gradualmente all’adozione di WebKit quale motore dei suoi browser.

Dal comunicato stampa non sembra la questione stia esattamente in questi termini: per come è stato redatto, appare piuttosto “celebrativo” in quanto sottolinea sostanzialmente che 300 milioni di utenti impiegano mensilmente quel browser.

Ma i fatti sono fatti: eseguire una transizione, più o meno lenta che sia, significa abbandonare un’intera architettura e adagiarsi su uno strumento che di fatto è la base di Chromium, il browser “laboratorio” di Google dove si sviluppa Chrome.

Ciò significa, osservano in molti, seguire la strada già intrapresa da diversi altri, che di fatto impiegano un motore “altrui”, lo rietichettano e lo propalano come proprio, ma di fatto di proprio ha ben poco. Un esempio è Yandex, che distribuisce il “suo” browser, basato su Chromium.

WebKit, tra l’altro – ricorda ironicamente The Next Web – è stato inizialmente sviluppato proprio a Oslo, sede di Opera Software. E l’azienda, in effetti, non è da adesso che ronza intorno a WebKit: le simpatie sono iniziate all’atto della presentazione di Ice, una versione specializzata per Android.

Nel blog aziendale, Bruce Lawson spiega i dettagli di ciò che l’adozione di WebKit comporterà per gli sviluppatori, per i progettisti di estensioni e chiarisce il motivo del cambiamento: HTML5 sarebbe lo standard a cui Opera avrebbe mirato fin dall’inizio e che ora, di fatto, esiste ed è in WebKit, qualcosa che “all’epoca potevamo solo sognare”.

Dunque, si può dire addio a Opera basato sul motore originale, chiamato “Presto”, che… presto sarà rimpiazzato.


  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter
  • Condividi su LinkedIn
  • Condividi su FriendFeed
  • Condividi su Pinterest
  • Pubblica su MySpace
  • Invia su Segnalo
  • Invia a Diggita
  • Segnalibro su Google
  • Pubblica su Blogger
  • Condividi su Google Reader
  • Condividi su Google+

Argomenti trattati:
,

Sezione in lettura: Internet

« »

Commenti

I commenti sono chiusi (articolo datato o decisione redazionale).
I ping sono chiusi (articolo datato o decisione redazionale).