Ehi, polizia svedese… ce ne è un’altra da chiudere

La bandiera pirata sventola ancora, altro che...
La bandiera pirata sventola ancora, altro che...
Marco Valerio Principato
Di
Pubblicato il: 22/12/2014
Commenti Commenta | Permalink

E, forse, non solo una, ma dieci, cento, mille Baie dei Pirati. La Rete è democratica, quasi anarchica. Se ancora non l’avete capito, sbagliate strada…

Dieci giorni, non di più. Ecco il tempo necessario perché la tecnologia, come sostiene Kevin Kelly, crei gli anticorpi di cui ha bisogno per restare profondamente democratica, quasi “anarchica”. Ci si chiedeva, su queste pagine, se la chiusura di The Pirate Bay fosse stata un problema. Non lo è stato neppure durante questi dieci giorni ma, per chi fosse nostalgico/a, nessun problema: ce ne sono altre due e, potenzialmente, ce ne saranno molte altre.

«Segni di vita all’ammainamento bandiera della Baia dei Pirati», titola The Sidney Morning Herald, intestando l’articolo di Hannah Francis con un bel teschione che ben conosciamo.

Ebbene, ecco due “parti” di rilievo, uno… cesareo, l’altro possibilmente multigemellare. Infatti, quello “cesareo” è oldpiratebay.org, da cui si scaricano tranquillamente Torrent e Magnet esattamente come prima, e c’è persino il vecchio logo.

Quello multigemellare – e forse, dal punto di vista delle autorità (sciocche), il più “pericoloso” – si chiama The Open Bay e, per farla breve, mette a disposizione un archivio con otto milioni di file Torrent, nonché tutti gli script necessari per permettere a chiunque voglia “tirar su” un sito dalle funzioni analoghe a quelle a suo tempo svolte da The Pirate Bay. Da notare che The Open Bay è Powered By IsoHunt, altro sito delle centinaia esistenti, al quale attingere qualora si sia alla ricerca di file Torrent.

Interrogazione Whois dell'attuale IP del dominio thepiratebay.se

Interrogazione Whois dell’attuale IP del dominio thepiratebay.se

Ma non basta. Dopo la chiusura, il nome a dominio thepiratebay.se ha cambiato indirizzo IP, e ora punta a un server in Moldavia (v. a lato), che ovviamente è raggiungibile e attivo, anche se per ora si limita a esibire una bandiera sventolante. Tornerà online? Non si può escludere.

Dunque, cara polizia svedese, forse è il caso di concludere che… non avete concluso un’acca, com’era del resto prevedibile e come dovete ficcarvi bene in testa voi, le altre polizie del mondo, le varie “SIAE” del mondo (anche se di “cieche” come la nostra ce ne sono poche, giusto quelle americane).

Mettetevi l’animo in pace, sono anni che su queste pagine lo diciamo: non è questa la strada per combattere la pirateria. La strada è quella di far si che, semplicemente, non sia necessaria, essendo più facile e semplice il “percorso ufficiale”.

Ma gli asini, si sa, sono cocciuti e debbono prima frantumarsi seriamente il cranio, altrimenti non capiscono.

Marco Valerio Principato


Marco Valerio Principato (2076 articoli)

Informatico sin dal 1980, esperto di Internet ed elettronica e attivo in Rete dal 1999, ha curato articoli in diverse pubblicazioni specifiche tra cui Punto Informatico (direzione P. De Andreis) e CompuServe Magazine. Laureato con lode in Scienze della Comunicazione, è responsabile di questo sito.


Abbiamo parlato di:
, , ,

Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*