Adobe e Microsoft, insieme per Spartan

The New Blog Times
La Redazione
Di
Pubblicato il: 30/03/2015
Commenti Commenta | Permalink

Pur nel totale rispetto del Closed Source, «proprietario», l’accordo di collaborazione tra Adobe e Microsoft dovrebbe aprire nuove prospettive e funzionalità in Spartan, il nuovo progetto di navigazione della Websfera targato Redmond.

Roma – Adobe sta dando una mano a Microsoft per creare nuove caratteristiche in Spartan, il nuovo browser dal nome ancora provvisorio che la casa di Redmond sta ultimando quale sostituto di Internet Explorer.

Gli altri quattro maggior browser (Chrome, Firefox, Safari e Opera) sono in massima parte fondati su software Open Source a cui chiunque, volendo e avendo le capacità, può contribuire e ciò ha facilitato la grande disponibilità di volontari intenzionati ad aggiungervi funzioni e prestazioni.

Spartan, invece, è rigorosamente Closed Source: software proprietary, ossia del tutto occultato agli occhi di terzi, di cui solo il prodotto finale (l'”eseguibile”) è disponibile per il pubblico.

La partnership ufficializzata la scorsa settimana tra Microsoft e Adobe è una parziale deroga – benché suggellata da un… giuramento di non rivelazione a terzi – e, secondo un post di Bogdan Brinza (program manager del progetto Spartan), sta preparando la strada anche a ulteriori collaborazioni di terzi.

«Abbiamo apportato cambiamenti interni per consentire ai maggiori produttori di software Web di contribuire alla crescita della piattaforma», ha detto Brinza. «Adobe ha apportato miglioramenti alla piattaforma Web di altri browser, ma finora non ha potuto farlo anche per la piattaforma Microsoft. Proprio questo è cambiato, da quando, qualche mese fa, Microsoft ha reso possibile alla squadra della piattaforma Web di Adobe di collaborare con Project Spartan».

L’accordo, potenzialmente, consentirà un’esperienza Web migliore per le masse. In primo luogo perché milioni di utenti avranno così accesso a nuove caratteristiche, come il lavoro che Adobe sta facendo per consentire la visualizzazione di siti in guisa di rivista con uno stile pulito e accattivante. In secondo luogo, gli sviluppatori potranno aderire presto all’uso di tali caratteristiche, dal momento che secondo Microsoft risulteranno sempre più richieste e supportate.

In particolare, il lavoro di Adobe in direzione di Spartan riguarda la formattazione, il trattamento e l’elaborazione di componenti grafiche nell’ambito dei fogli di stile CSS. Inizialmente ciò che si vedrà sarà la capacità di combinare e sovrapporre funzioni ed elementi grafici in un ampio ventaglio di modalità e con crescente sofisticazione, ma secondo Microsoft ci sarà anche molto altro.

Spartan, lo ricordiamo, è la tecnologia di navigazione Internet che Microsoft sta preparando per il prossimo futuro al posto di Internet Explorer (che, comunque, resterà disponibile per qualche tempo al fine di garantire la compatibilità). In Spartan molte delle vecchie tecnologie presenti in IE9, IE10 ed IE11, ancora legate agli inizi del Web, spariranno per far posto a nuove idee.

Con questo Microsoft pensa di fare un radicale passo avanti capace di farle riconquistare quella fiducia a lungo inseguita – e mai ottenuta totalmente – da parte del maggior numero possibile di mercati.

Inutile dire che i nuovi progetti tenderanno ad allontanare sempre più Flash dal browser: già oggi molte implementazioni non lo prevedono più, nonostante finora sia grazie ad esso che il Web si è potuto fregiare di grafiche, video e funzioni che hanno ammaliato tanti internauti.


La Redazione (3322 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.