Spotify: oltre la musica, video e non solo

L'AD di Spotify Daniel Ek
L'AD di Spotify Daniel Ek
La Redazione
Di
Pubblicato il: 21/05/2015
Commenti Commenta | Permalink

La musica non basta più: ci vogliono anche video, notizie, podcast, persino contenuti originali. Questa la novità di Spotify, che si prepara a una «svolta» epocale, dice.

Roma – Il celebre servizio di streaming audio passa oltre ed entra nel business del video: è stata appena annunciata l’aggiunta in Spotify di streaming video e podcast, dando così attuazione al piano già circolato un mese fa.

Il servizio di streaming, al quale va il merito di aver shakerato l’industria mediatica dell’audio negli ultimi anni, ha annunciato infatti che i suoi nuovi servizi riguarderanno videoclip di case come la ABC, BBC, ESPN, NBC e Comedy Central, si legge sul Wall Street Journal.

Per di più, Spotify ha intenzione di pubblicare anche contenuti originali, come “A Full English”, uno spettacolo in cui si esibiranno artisti e personalità in cerca di una piattaforma.

Va da sé che questa mossa è una piccola (per ora) minaccia rivolta a YouTube e a Facebook, i cui profitti potrebbero esser intaccati: Spotify, anche se finora si è limitato all’audio, ha un grosso seguito, che a gennaio scorso ha annunciato consistere in 60 milioni di utenti, di cui 15 milioni di abbonati a 9,99 dollari al mese.

In tutto questo, sulla falsariga di quel che fa l’App Shazam, Spotify ha svelato un servizio in grado di confrontare un tempo battuto dall’ascoltatore con quello rilevabile in un brano.

Certo, anche la concorrenza di Pandora e Apple non è uno scherzo e Spotify è al punto in cui o “svolta” e cresce, o resterà non profittevole. Ma questa novità, che secondo le fonti del Journal viaggia in parallelo a un finanziamento di 400 milioni di dollari che Spotify sta cercando di ottenere, porterebbe il valore dell’azienda a oltre 8,4 miliardi di dollari.


La Redazione (3322 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.