GoogSystray, e Google è (quasi) sotto controllo

The New Blog Times
La Redazione
Di
Pubblicato il: 24/12/2009
Commenti Commenta | Permalink

Assolutamente free perché Open Source, GoogSysTray è uno spione di spioni: dice tutto ciò che fanno le applicazioni Google residenti sul proprio computer. È appena nato, ma promette bene per i patiti della privacy

Roma – Molti internauti sono contrari all’utilizzo diffuso di applicazioni del colosso di Mountain View, nella convinzione che in Google l’attività che regna sovrana è quella di spiare gli utenti. In parte, qualcosa sbircia, non c’è dubbio: ma non è il solo ed è utopico pensare che nessuno lo faccia. Per soddisfare le ire di chi vuol sapere per filo e per segno quando Google si attiva sul proprio computer, c’è un programmino adatto: si chiama GoogSysTray.

Nulla da pagare, è Open Source: lo si trova su SourceForge.net. Il suo scopo è quello di infilarsi nella Sytem Tray e avvertire quando qualunque applicazione Google fa qualcosa: da Gmail a Google Voice, da Calendar a Wave, tutto.

Dopo averlo installato – spiega LifeHacker – si possono configurare i servizi che si vogliono sorvegliare e cosa fare in caso di segnalazione: dopo aver ricevuto un’email, un SMS (per chi ha Voice), un avviso sul calendario, un articolo via RSS o qualunque altra cosa. Si può decidere di avere solo l’avviso, generare un suono o far partire qualche programma a propria scelta.

La relativa iconcina a sua volta si attiverà nel vassoio di sistema. Con un click con il tasto destro si otterrà un popup con maggiori informazioni sull’evento occorso, come ad esempio il contenuto della email.

Alcune funzioni sono ancora poco evolute, mentre altre sono più affinate. Si tratta di provarlo e farlo crescere, in perfetta filosofia Open, fornendo suggerimenti e spunti agli autori.

Non è ancora stata pubblicata alcuna versione per Mac, mentre funziona senza alcun problema su Windows e, a patto di disporre di Python e PyGTK installati, anche su Linux.


La Redazione (3321 articoli)

Nucleo redazionale del sito dove, sotto la direzione di uno o entrambi i responsabili (Marco Valerio Principato e Dario Bonacina), vengono lavorati articoli scritti da altri collaboratori o da loro stessi.


Abbiamo parlato di:
, , ,

Commenti (Facebook)
Commenti (locali)




Nota: La moderazione in uso potrebbe ritardare la pubblicazione del commento. Non è necessario reinviarlo.

*