Vacanze studio all’estero: quali benefici apportano

Zainetto-Verde-vacanze-studio

Le vacanze studio all’estero sono sicuramente molto utili e significative per tutti quei ragazzi che hanno intenzione di approfondire la conoscenza di una lingua straniera ma che si trasforma anche in un’esperienza altamente formativa.

Infatti, poter studiare una lingua durante un viaggio studio è sicuramente vantaggioso rispetto ad ogni tipo di corso di studio grazie anche al supporto di società come Zainetto Verde vacanze studio esperti nell’organizzare nei minimi dettagli un’esperienza che sicuramente resterà indelebile.

Vediamo, quindi, quali sono i benefici che apporta questo tipo di viaggio e come aderire.

Vacanze studio all’estero: immergiti nella cultura

Zainetto-Verde-vacanze-studio

Un’estate all’estero consente di vivere il luogo e di poterne conoscere tutte le caratteristiche.

Quindi puoi vivere in tutta comodità la cultura di un paese, anche sperimentarne le tradizioni, ma soprattutto puoi costruire nuove relazioni che ti aiuteranno a vedere il mondo completamente da una prospettiva diversa dalla tua, diventando un valido supporto per la tua crescita personale e culturale.

Impara divertendoti mentre vivi all’estero

Imparare una lingua straniera richiede principalmente dedizione, impegno e studio.

Con gli studi linguistici all’estero, tutto è sicuramente più bello e più facile e ciò perché l’ambiente in cui vivrai, anche nelle piccole azioni quotidiane, ti porterà sempre ad affrontare una nuova sfida ed a impegnarti e praticare continuamente la nuova lingua.

Tramite un programma personalizzato, potrai scegliere personalmente una delle tantissime attività da fare quando sei all’estero partendo dallo sport alla danza, passando dai corsi di specializzazione in digitale a quelle che sono le relazioni internazionali e alla traduzione sito web.

Un’estate all’estero all’insegna di nuove amicizie

Ma a che cosa serve passare un’estate all’estero se non per fare anche amicizia?

Sicuramente lo scambio culturale estivo è quello che permette di entrare in contatto con tantissime persone e di fare nuove amicizie.

Infatti, fare un’esperienza di studio linguistico all’estero ti permetterà di esercitare e di praticare la lingua anche quando sei fuori per ogni minima cosa come vedere un film, bere una birra o passare un pomeriggio insieme.

E chissà, magari è possibile che una di queste amicizie durerà per sempre.

Zainetto-Verde-vacanze-studio

Come scegliere quale esperienza fare

Grazie allo staff di Zainetto Verde, con pochi click potrai scegliere la tipologia di vacanze studio all’estero e ricevere un preventivo completo anche delle attività alle quali partecipare.

Lo puoi fare scegliendo attraverso diversi criteri: ad esempio, se sei interessato ad un paese o se hai già in mente una città preferita dove vorresti vivere allora la ricerca si restringe.

Tramite i tour disponibili puoi scegliere tra le migliori destinazioni.

Se vuoi entrare nel cuore della cultura anglosassone, puoi scegliere sia un viaggio di studio in Inghilterra, puntando all’anima del Regno Unito con una vacanza di studio a Londra.

Ma se il tuo sogno è quello di scoprire gli Stati Uniti, puoi provare la vacanza studio che fa per te a New York.

Infine, se il tuo obiettivo è esclusivamente quello di imparare l’inglese, puoi scegliere il corso generale per affinare le tue abilità linguistiche.

Grazie alla scelta di vacanze specifiche puoi imparare davvero tanto e muovere anche i primi passi nel mondo degli affari e lavorare in team.

Se, ad esempio, vuoi andare all’estero per il giornalismo esistono delle esperienze che ti consentono di partecipare a molti workshop e di imparare diversi stili giornalistici.

Se adesso ti senti pronto a intraprendere un percorso di mediazione culturale, allora puoi pensare anche di imparare come intercedere per diventare un possibile prossimo Ambasciatore grazie al Corso ONU che si tiene spesso a New York.

Senza dimenticare che potrai combinare a questo anche le tue passioni con il corso di inglese all’estero scegliendo tra calcio, golf e ballo per un viaggio studio all’estero indimenticabile.

Continue Reading

Noleggio lungo termine senza anticipo: la checklist dei documenti necessari

noleggio lungo termine senza anticipo

Noleggio lungo termine senza anticipo presenta molti vantaggi ed è una scelta fatta da sempre più aziende e privati. Questa soluzione semplifica la mobilità a quattro ruote, fornendo un’alternativa ottima all’acquisto tradizionale. D’altronde i vantaggi sono molti e permettono di andare incontro a tante esigenze, permettendo a chi lo vuole di cambiare vettura senza intaccare il capitale o avere a che fare con lungaggini burocratiche.

Noleggio lungo termine senza anticipo: cos’è 

L’autonoleggio a lungo termine per privati è una soluzione sempre più in voga, con moltissimi vantaggi e tante auto di alto livello fra cui scegliere. FacileRent, ad esempio, fornisce la certezza di un canone fisso, accompagnato dal brivido di poter guidare l’auto dei sogni e alla profonda serenità di avere già tutti i servizi di manutenzione e assicurativi.

Perché scegliere il noleggio lungo termine senza anticipo

Perché scegliere il noleggio lungo termine senza anticipo? I vantaggi sono numerosi. Prima di tutto la completezza dell’offerta e la garanzia di mobilità totale. Vengono garantiti inoltre servizi di manutenzione, assicurazione e pneumatici, semplificando la gestione amministrativa, grazie a un canone mensile con più prestazioni.

Il parco auto viene rinnovato periodicamente, per supportare l’immagine aziendale e garantire sicurezza e alta affidabilità per il personale. I patti sui costi sono chiari, con grande certezza e la possibilità di pianificare l’intero periodo. Senza contare i vantaggi fiscali, nessuna immobilizzazione del capitale e la possibilità di beneficiare di sconti privilegiati.

Noleggio lungo termine senza anticipo: che documenti servono 

I documenti per il noleggio a lungo termine senza anticipo variano in base ai privati e alle aziende. La documentazione necessaria per il noleggio auto a lungo termine prevede CUD o 730, la carta d’identità e codice fiscale del noleggiatore, la carta di credito oppure le coordinate bancarie di un conto intestato al noleggiatore.

Un altro aspetto da prendere in considerazione è l’età del conducente. Nella maggioranza dei casi l’età minima è pari a 21 anni. Dai 25 anni ai 65 anni invece è possibile noleggiare qualsiasi tipologia di automobile, mentre oltre i 70 anni tornano alcune restrizione. In qualsiasi caso il guidatore dovrà aver conseguito la patente almeno da 12 mesi.

Riassumendo, per noleggiare un’auto a lungo termine per aziende e per privati servono:

  •  un documento d’identità e il codice fiscale;
  •  una patente di guida;
  •  l’età minima;
  • la carta di credito intestata al noleggiatore;
  • l’attestazione delle entrate mensili.

Noleggio lungo termine senza anticipo

Il noleggio lungo termine senza anticipo comprende numerosi servizi fra cui RC Auto con la possibilità di estensione di garanzia anche ai trasportati. PAI – Protezione Persone, ossia la copertura per il conducente per i rischi di morte e di invalidità permanente, include inoltre il rimborso delle spese sanitarie e la copertura delle spese legali. Troviamo poi la protezione totale veicoli per ridurre o eliminare eventuali penali risarcitorie legate a incendio e furto, come pure collisione, atti vandalici, eventi sociali o atmosferici.

Il noleggiatore si occupa inoltre della manutenzione del veicolo con il servizio pneumatici (controllo periodico della pressione, equilibratura e convergenza, sostituzione, pneumatici invernali), assistenza, con la possibilità di chiamare sempre il Numero Verde per ricevere assistenza stradale, ma anche manutenzione ordinaria e straordinaria, le riparazioni di carrozzeria in uno dei tantissimi centri convenzionati in tutta Italia.

Continue Reading

Bungalow a Jesolo per una vacanza in famiglia sicura e divertente

Il bungalow a Jesolo è un’ottima soluzione per una vacanza in famiglia divertente, sicura e ricca di stimoli. D’altronde il bungalow offre parecchie comodità a prezzi generalmente bassi, mentre Jesolo è una località turistica di pregio, per giunta ben collegata con altri luoghi di interesse.

Vale dunque la pena approfondire l’argomento, fornendo contestualmente qualche consiglio per scegliere il bungalow più adatto alle proprie esigenze.

Perché scegliere un Bungalow

Prima di tutto è bene rispondere alla domanda: perché una famiglia in vacanza dovrebbe optare per un bungalow? La verità è semplice: è la scelta migliore anche e soprattutto rispetto alle alternative più prossime: hotel e case vacanza. Ecco i motivi.

  • E’ più economico. Il bungalow è un “piccolo appartamento” inserito all’interno di un camping. Dunque, è più facile per i gestori trovare clienti. Per questa e per altre ragioni, il bungalow costa generalmente meno di una casa vacanza e molto meno di un qualsiasi albergo.
  • Offre le comodità di una casa vacanze. Al netto del contesto, il bungalow è comunque un appartamento, una casa a tutti gli effetti. In potenza, offre tutte le comodità necessarie, se non di più.
  • E’ comunque immerso nella natura. Il bungalow offre una varietà di contesti in genere preclusi alle altre strutture. Infatti, è sì un appartamento, ma “immerso” in un camping, almeno nella maggior parte dei casi.

Bungalow a Jesolo, una buona idea

Rimane da capire perché scegliere proprio un bungalow a Jesolo. Cos’ha di particolare questa località turistica? Come sicuramente saprete, Jesolo offre una delle migliori e più attrezzate spiagge dell’Adriatico. La spiaggia è sabbiosa e morbida, il mare è cristallino. E’ anche più sicuro rispetto a molte località della costa tirrenica, giusto per fare un esempio, visto che il fondale è bassissimo per molte centinaia di metri dopo il bagnasciuga.

Inoltre, avere come base Jesolo o comunque una località nelle vicinanze, permette di esplorare quanto di meglio offre il Veneto. A due passi c’è Venezia, che non ha certo bisogno di presentazioni. A breve distanza c’è Verona, che è una meta di tutto rispetto. Stesso discorso per le altre città storiche del Veneto, come Vicenza e Padova.

Come scegliere il Bungalow

L’offerta turistica del Veneto, e in particolare della zona di Jesolo, è molto sviluppata, quasi ipertrofica. Da ciò può nascere il classico imbarazzo della scelta, se lo scopo è trovare un bungalow a Jesolo adatto alle proprie esigenze. Come valutare un bungalow?

Paradossalmente, dovrete inizialmente valutare il contesto in cui è inserito, che nella maggior parte dei casi è un camping. Se l’atmosfera è allegra, i servizi abbondanti ed erogati con professionalità, allora potete prenderlo in considerazione.

Per quanto concerne il bungalow in sé, deve essere strutturato in modo da ottimizzare gli spazi, garantendo allo stesso tempo la dovuta vicinanza e un minimo di privacy. Deve essere inoltre dotato di tutti i confort della modernità, wi-fi e tv inclusa. Infine, il servizio deve incorporare alcuni benefit, che possono riguardare la tappezzeria, la gestione della camera da letto etc.

Se possibile, il bungalow deve essere arricchito da spazi out-door di carattere esclusivo, ovvero frequentabili solo da chi soggiorna nell’appartamento. Ovviamente, anche la bellezza dell’arredamento e del bungalow in sé conta, ma le valutazioni in merito sono suscettibili di una marcata soggettività. Infine, il capitolo dei costi. Il bungalow più conveniente non è per forza il migliore, anzi spesso dietro a prezzi stracciati si nasconde una qualità mediocre. In linea di massima, si dovrebbe puntare a un buon rapporto qualità prezzo.

Trovate difficile scegliere anche prendendo in considerazione questi criteri? Allora optate per una soluzione che questi requisiti li possiede tutti: i bungalow del camping Cavallino-Treporti.

Sono strutture per famiglie ben costruite, ben strutturate e arredate in modo accogliente. Sono dotate di molti servizi, mettono a disposizione una bella terrazza con tavolo e sedie esterne. Certo, non è situato esattamente a Jesolo, bensì a una distanza brevissima, giusto una manciata di chilometri. Il Lido di Jesolo, tra l’altro, è raggiungibile percorrendo un bellissimo tratto di lungomare.

Dunque, rappresentano la soluzione anche per chi cerca bungalow per famiglie a Jesolo. Sullo sfondo, un camping molto attrezzato, che offre un suggestivo mix tra natura e comodità, adatto agli amanti del campeggio classico come a chi ricerca la massima comodità.

Continue Reading

Cosa vedere a Santo Domingo?

Home Country Traveling, domestic travel. Local travel, Solo Explorers, Small Group tourist. Young

Santo Domingo non offre soltanto tramonti da cartolina, spiagge incontaminate e locali alla moda ma anche luoghi e monumenti suggestivi come:

  • Il Palazzo Nazionale
  • Il Monastero di San Francisco
  • L’Alcazar de Colon
  • L’Amber World Museum
  • Il Pantheon Nazionale
  • Il Museo Memorial de la Resistencia
  • Calle Las Damas
  • Il Faro a Colòn
  • Museo de Las Casas Reales
  • Il Tres Ojos National Park

Viaggio a Santo Domingo: cosa vedere e quando andare

Palazzo Nazionale

Il Palazzo Nazionale è stato costruito negli anni ’40 durante il regno del dittatore Rafael Trujillo per essere utilizzato come sede del governo della Repubblica Dominicana e degli uffici del Presidente. Una piccola curiosità: la realizzazione dell’edificio è iniziata sotto la guida di Guido D’Alessandro Lombardi, un famoso ingegnere italiano.

Monastero di San Francisco

Le rovine del Monastero di San Francisco sono a tutti gli effetti uno dei siti storici più importanti della Repubblica Dominicana e il primo monastero ad essere stato costruito nel Nuovo Mondo. La storia di questo edificio è stata travagliata e ricca di colpi di scena: uragani, terremoti, battaglie e i ripetuti saccheggi di Francis Drake ne hanno alterato la storica bellezza e costretto a numerosi restauri.

L’Alcazar de Colon

Fino al XV secolo, questo edificio fu la residenza di Diego Colon, primogenito di Cristoforo Colombo. In seguito il palazzo cadde in declino tanto che per salvarlo il Governo decise di trasformarlo in un monumento nazionale. Particolarmente pregevole è l’architettura esterna del palazzo, un mix ineguagliabile di arte moresca, gotica e rinascimentale.

Amber World Museum

L’Amber World Museum è una delle destinazioni più importanti per i turisti della Repubblica Dominicana. Questo piccolo museo privato, fondato il 5 settembre 1996 da Jorge Caridad, è dedicato al mondo dell’ambra. All’interno sono ospitate numerose collezioni che raccolgono anche esemplari rari di colore verde, blu e rosso.

Il Pantheon Nazionale

Questo monumento in origine era una chiesa dei Gesuiti, oggi ospita i resti e le spoglie di persone illustri della Repubblica Dominicana come Eugenio María de Hostos e Gregorio Luperón.

Il Museo Memorial de la Resistencia

Lo scopo di questo museo è la sensibilizzazione delle generazioni future nei confronti delle dittature e degli effetti nefasti sull’uomo e sulla società. Le mostre permanenti mostrano la sala delle torture, le vittime e tutti i sistemi utilizzati dalla macchina propagandistica del dittatore Rafael Trujillo.

Calle Las Damas

Costruita nel 1502, fu la prima strada costruita nel Nuovo Mondo per ordine del governatore Nicolás de Ovando. Deve il nome curioso all’abitudine di María de Toledo, nipote del re Fernando di Spagna, di passeggiare con le sue dame ogni giorno lungo questa strada.

Il Faro a Colòn

Questo monumento, posto nella periferia della città, è costituito da una croce lunga 800 metri proiettata nel cielo al momento dell’accensione. All’interno sono ospitate mostre temporanee e permanenti provenienti da diverse parti del mondo.

Museo de Las Casas Reales

Questo palazzo fu fatto costruire dalla Corona spagnola per ospitare i principali uffici governativi dell’epoca. L’aspetto, quasi militare, contrasta con uno stile unico che combina il gotico elisabettiano con linee tipicamente rinascimentali.

Il Tres Ojos National Park

Questo Parco Nazionale si trova vicino al Faro a Colòn. All’esterno è semplicemente un parco che ospita una fitta vegetazione: la vera meraviglia è all’interno con tre grandi grotte calcaree che ospitano tre laghi cristallini chiamati i Tre Occhi.

Continue Reading

Cosa vedere a Granada?

Traveling

Granada è una città ricca di monumenti importanti e quartieri che conservano un fascino che richiama gli antichi fasti dei sultani Nasidi. Tra i luoghi più belli da visitare ricordiamo:

  • L’Alhambra
  • Il Generalife
  • Palazzo Dar-al-Horra o Monastero di Santa Isabella
  • La Cappella Reale di Granada
  • Il Quartiere Albayzin
  • La Cattedrale di Granada
  • Il Bagno Arabo
  • Parco delle Scienze

8 luoghi imperdibili a Granada

L’Alhambra

L’Alhambra è il monumento simbolo della città di Granada. Arroccato in cima a una collina nel centro della città, questo palazzo, decretato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1984, domina l’orizzonte. La fine e lussuosa architettura degli interni voluti dai sultani Nasidi crea un contrasto unico nel suo genere con l’esterno lineare, militaresco. Fu scelto da Isabella I e Ferdinando II come dimora della Corona.

Generalife

Il Generalife era il luogo nel quale amavano ritirarsi i sultani per riposarsi e trascorrere l’estate. I giardini lussureggianti sono ricchi di aiuole fiorite, di piante esotiche, piscine e fontane geometriche. Dichiarato patrimonio dell’Umanità, il Generalife è stato costruito nel XIII secolo ed è il secondo luogo più visitato di tutta l’Andalusia.

Il Quartiere Albayzin

In questo quartiere inizialmente si rifugiarono e vissero i Mori che non vollero lasciare la città di Granada. Situato nella parte nord della città, Albayzin conserva nelle sue architetture l’impronta del passaggio dei Fenici, degli Arabi ma anche dei Romani, dei Cartaginesi e dei Visigoti. Il piano stradale è un groviglio di vicoli stretti con alte case a schiera dipinte di bianco, adornate dalle caratteristiche piastrelle moresche dipinte a mano.

Monastero di Santa Isabella o Palazzo Dar-al-Horra

Il Palazzo Dar-Al-Horra (Casa degli Onesti) è situato nella parte alta del quartiere Albaicín. Costruito nel XV secolo, era la casa di Aicha, madre di Boabdil, l’ultimo sultano moresco che esercitò il suo potere nella città spagnola. Dopo la cacciata dei Mori da Granada, il palazzo fu adibito a convento. Il palazzo Dar-Al-Horra è il più bell’esempio di arte moresca insieme all’Alhambra: particolarmente pregevole è il meraviglioso cortile interno con piscina impreziosito dalle iscrizioni religiose in basso rilievo.

La Cattedrale di Granada

Nel 1492 Granada fu conquistata dai sovrani cattolici e la Cattedrale è l’edificio religioso che celebra questo storico trionfo. L’architettura è molto particolare perché l’esterno gotico lascia la scena a interni che richiamano le atmosfere e le linee tipiche dell’arte rinascimentale. Vicino l’altare è possibile ammirare una splendida pala rinascimentale e la famosa “Immacolata” dell’artista Alfonso Cano.

La Cappella Reale di Granada

Nel 1505 iniziarono i lavori di costruzione della Cappella Reale, destinata a ospitare le salme dei sovrani cristiani. All’interno possiamo ammirare una serie di quadri religiosi firmati dai più grandi artisti internazionali dell’epoca come, ad esempio, il Botticelli e il Perugino. Nella sacrestia, adibita a Museo, sono esposti i gioielli della Corona insieme a scettri, libri e tavole fiamminghe.

Il Bagno Arabo

Situato sulle rovine di un antico hammam risalente al XVIII secolo, Al Ándalus si trova esattamente ai piedi dell’Alhambra. Inaugurato nel 1998, evoca le lussuose e seducenti atmosfere dei bagni arabi. Ideale per rilassarsi e vivere un’esperienza unica nel suo genere, è formato da tre ampi spazi e un cortile con vasca.

Parco delle Scienze

Inaugurato nel 1995, il Parco della Scienza con i suoi 70.000 metri quadrati è uno dei Musei più grandi e visitati di tutta la Spagna e la sede dell’Ufficio Educativo dell’Agenzia Spaziale Europea. Al suo interno sono dislocati sette padiglioni espositivi permanenti, un cinema, un auditorium e un Planetario che può ospitare fino a 80 persone.

Continue Reading