Porte filo muro: la nuova tendenza nel design delle porte per interni

porte-filo-muro

Le porte sono sempre state una parte importante del design degli interni e per molto tempo sono state uno dei punti focali di ogni stanza.

In passato, le porte erano spesso di colore molto scuro, in modo da contrastare con le pareti più chiare.

Con il tempo, però, questa tendenza è cambiata e molte persone scelgono oggi porte di colore simile a quello delle pareti.

Questo è particolarmente vero per le porte a filo muro, che si integrano perfettamente con la parete e spesso scompaiono nel nulla.

Queste porte sono estremamente di tendenza, dal momento che hanno un’infinità di caratteristiche che le rendono le preferite dai vari designer.

In questo articolo esploreremo cosa sono le porte a filo muro, le loro caratteristiche e perché sono così popolari.

Cosa sono le porte a filo muro

porte-filo-muro

Questo termine fa riferimenti a delle porte fatte con uno speciale telaio nascosto nella parete grazie al quale è possibile creare una porta interna senza stipiti e cornici visibili.

L’unica cosa che rimane è la maniglia per aprirla o chiuderla; a meno che non si opti per le maniglie a spinta che vengono installate su entrambi i lati.

Per quanto riguarda l’estetica di queste porte, solitamente si opta per dei pannelli a tutta altezza dal pavimento al soffitto, in modo da dare il giusto risalto alla porta filo muro.

Le porte filo muro hanno inoltre diversi tipi di apertura:

  • scorrevole nella parete,
  • a bilico,
  • a battente.

Quelle scorrevoli vengono scelte quando si ha la possibilità di inserire il controtelaio di scorrimento nel muro.

Permettono di farti risparmiare circa il 10% dello spazio e rendono agevoli gli spostamenti, oltre che dividere o unire due stanze a seconda dell’apertura o della chiusura della porta.

Le porte a bilico si chiamano così proprio perché sono fissate su un perno a scomparsa nel pavimento e nel soffitto e ruotano attorno al proprio asse verticale; si aprono sia verso destra che verso sinistra e si usano soprattutto nelle cabine armadio.

L’ultima tipologia di chiusura delle porte filo muro è quella a battente: è un tipo di porta che permette di avere una continuità visiva con la parete, grazie alle maniglie mimetiche o alle cerniere a scomparsa.

Può essere facilmente abbinata alle ante dell’armadio e alle porte di ingresso con il battiscopa a scomparsa, tutto rigorosamente filo muro.

Pro e contro delle porte filo muro

porte-filo-muro

Come abbiamo visto, le porte filo muro sono degli elementi di interior design davvero versatili.

Infatti, queste porte possono essere facilmente installate in pareti di cartongesso ma anche di muratura e intonaco.

Possono avere dimensioni standard o fuori misura e ne esistono numerosi modelli: a una o due ante, a trapezio, a spingere o a tirare e molte altre.

Un altro grande vantaggio delle porte raso muro è la vasta gamma di finiture tra cui puoi scegliere.

Il pannello può essere realizzato in legno o in vetro, puoi acquistarlo grezzo da riverniciare dello stesso colore delle pareti, oppure puoi sceglierne uno già laccato in finitura lucida oppure opaca, a seconda dei tuoi gusti.

Inoltre, sono delle porte salvaspazio; per esempio, se possiedi un soggiorno di dimensioni ridotte o comunicante con un’altra stanza, puoi optare per una porta blindata filo muro che si mimetizza con la parete e non crea ingombro.

Se, invece, devi coprire dei vani di servizio, il modello a battente con pannelli mimetici e chiusura a pressione o magnetica è la scelta migliore.

Se dovessimo trovare un difetto a queste porte potrebbe essere quello dell’essere eccessivamente minimali in alcuni contesti, ma nulla che non si possa risolvere, per esempio con un rivestimento in boiserie di legno che si abbini alla parete e crei un effetto sorpresa con una porta che conduca dalla camera da letto al bagno.

Dopo aver analizzato le caratteristiche, il perché della loro importanza, i vantaggi e gli svantaggi delle porte filo muro, un’ultima considerazione va fatta sulla loro installazione che deve avvenire per opera di tecnici specializzati; infatti, a differenza di una classica porta a battente, la porta filo muro necessita del un montaggio di un telaio metallico murato a scomparsa nella parete, che deve essere già previsto nella fase del progetto di costruzione o ristrutturazione.

In più, se si tratta di una porta scorrevole, avrà bisogno di una posa perfetta, per le ante, il controtelaio e le finiture, in modo tale che scorra silenziosamente e senza problemi.

Articoli consigliati