Compro oro Roma: la guida alla vendita dell’usato

compro oro Roma

Trovare un compro oro Roma implica una certa ricerca alla professionalità dato che stiamo vendendo dei prodotti considerati di lusso. Pertanto è importante capire quali sono i passi esatti da fare durante la vendita, soprattutto se non conosciamo il settore. E, altrettanto importante, è capire come funziona un’acquisizione da parte del negozio a cui ci rivolgiamo, così da sapere se ci stiamo rivolgendo a un professionista del settore o a un negoziante poco affidabile.

Il compro oro a Roma in grado di offrire una garanzia di professionalità e serietà è Marangi compro oro, il quale ha un’esperienza decennale dimostrabile nel settore e persegue il suo obiettivo di trasparenza in ogni fase di acquisto. Il metodo di lavoro si ripete in ogni filiale presente nel territorio al fine di supportare il cliente grazie a uno staff provvisto di competenza e professionalità.

 

Guida alla vendita presso un compro oro a Roma

Quando ci rivolgiamo a un compro oro a Roma come a Marangi possiamo velocizzare il processo suddividendo il nostro oro usato per monili e caratura. Innanzitutto, controlliamo se i nostri monili sono composti solo da oro o se portano anche delle pietre preziose. In questo caso, il compratore dovrà fare una diversa stima.

Quali tipi di monili vengono accettati? Tutti gli articoli in oro quali i bracciali, le collane, gli anelli, gli orecchini, le medaglie, le spille, eccetera. Si possono vendere anche le monete d’oro o altri oggetti se sono composti interamente in oro. Lo stato di conservazione non ha alcuna importanza poiché ciò che si andrà a valutare sarà la caratura e il peso effettivo.

Prima di recarci dal compro oro Roma possiamo già fare una sorta di scrematura, suddividendo i monili in base alla caratura. La caratura non è altro che la sigla impressa sul monile che indica i carati dell’oro. Quando abbiamo un monile di 18 carati sappiamo che il prodotto è composto da oro puro ed è il livello di carati più alto.

Ulteriori controlli da fare al compro oro Roma

Un’altra cosa che possiamo fare prima di recarci in negozio è quello di controllare il prezzo attuale di vendita dell’oro. Lo possiamo trovare facilmente già aggiornato su internet e quando il compratore farà la sua stima potremo verificare se la quotazione corrisponde. In questo modo dimostreremo di non essere degli sprovveduti.

Se il prezzo finale sembrerà più basso di quello ipotizzato non dobbiamo preoccuparci perché significa che il compratore ha tolto dal totale la sua provvigione. Il costo del servizio varia in base al negozio e quindi prima di vendere il nostro oro possiamo verificare in varie attività quale sia più conveniente.

Nella nostra ricerca della convenienza, però, non dobbiamo difettare della professionalità. Questo punto è molto importante poiché è facile essere defraudati quando non si conoscono le direttive ufficiali. Per cui stiamo molto attenti ad affidarci a professionisti del settore. Magari spendiamo di più per il servizio così da ottenere una garanzia di vendita sicura.

 

Nel negozio: guida ai processi di acquisizione

Il cliente deve sapere quali sono i passaggi da fare per vendere oro e conoscere i processi di acquisto del compratore. Pertanto, è importante vedere come si dovrebbe comportare un negozio compro oro Roma e a quali dettagli dobbiamo prestare maggiore attenzione.

Come già anticipato, il primo passaggio prevede il controllo della caratura. Se si hanno più articoli con carature diverse verranno suddivisi e pesati in modo separato. Per appurare che le carature non siano contraffatte il compratore svolge dei controlli incrociati. Prima con la pietra di paragone e successivamente con degli acidi reagenti. L’oro viene leggermente grattato sopra una tavoletta di ardesia e poi immerso nell’acido nitrico. Tramite la colorazione assunta il compratore determinerà esattamente la caratura dell’oro.

A questo punto, verrà eseguita la pesatura. In questa fase dobbiamo controllare che il compratore utilizzi una bilancia meccanica e non una digitale. La differenza è piuttosto importante in quanto la bilancia meccanica garantisce un controllo maggiore del peso effettivo. Se la bilancia presenta il sigillo della Camera del Commercio abbiamo la certezza che la bilancia è controllata ogni anno contro le manomissioni.

Alla stima finale del prezzo verrà tolta la provvigione del compratore e si firmerà il contratto di vendita. Il negoziante è tenuto a chiedere i documenti del venditore. I dati personali verranno poi inseriti all’interno del Registro dei preziosi. Si tratta di un documento ufficiale utile a prevenire la rivendita di oggetti trafugati o di dubbia provenienza. La transazione termina con la ricevuta consegnata al venditore così come indicato dal Decreto Legislativo 92 del 05/07/2017.

Articoli consigliati